Cronaca

Costringe una 12enne a inviargli su Facebook le foto nuda: arrestato

Ventenne condannato per tentata violenza sessuale aggravata e pornografia minorile aggravata

E' finito in carcere, condannato per tentata violenza sessuale aggravata e pornografia minorile aggravata. Adesso dovrà scontare quattro anni e sei mesi di reclusione. E' l'epilogo di una vicenda che ha impegnato nei mesi scorsi i carabinieri della stazione di Castiglion Fibocchi, che hanno raccolto le prove che hanno inchiodato un 20enne residente in provincia di Arezzo, originario della Romania, reo di aver costretto una bambina di 12 anni ad inviargli foto delle sue parti intime.

L'approccio e le minacce

I fatti risalgono a qualche anno fa. I due protagonisti della vicenda, il 20enne residente nell'Aretino e le giovanissima residente fuori regione, si conoscono su Facebook nel 2015. Il ragazzo chiede amicizia a numerosi account femminili, dietro i quali ci sono ragazzine che non conosce di persona. Con una di queste, la dodicenne, iniziano le prime chat. La giovane, probabilmente lusingata dalle attenzioni del ragazzo più grande, si confida, racconta dettagli della sua vita privata, credendo di parlare con un amico. Ma il 20enne ben presto rivela le sue reale intenzioni: minaccia la 12enne di rendere pubblici quei dettagli carpiti, se non gli avesse inviato rapidamente una sua foto in intimo.

Le immagini di nudo

La pressione psicologica esercitata sulla piccola funziona e si instaura un'escalation di richieste sempre più pressanti. Il 20enne, ottenute le foto osé, pretende poi quelle di nudo integrale, quindi quelle di parti intime. La sua brama non si arresta, la minaccia - susccessivamente - diventa quella di pubblicare direttamente le foto private che ha in mano. Le richieste si susseguono a cavallo tra il 2015 e il 2016, finché la ragazzina non ne può più.

L'inizio dell'indagine

La piccola, esasperata, rivela alla madre i dettagli della vicenda e di quel filo virtuale, diventato insostenibile, che la lega al 20enne. Il ragazzo non vuole soldi, non chiede un riscatto per dare indietro le foto. Vuole altre foto. La madre non ci pensa su e avvisa i carabinieri del luogo. Scatta così un'indagine interregionale e coinvolge anche i militari della stazione di Castiglion Fibocchi, che si attivano per approfondire la posizione del 20enne. Viene ordinata la perquisizione della sua abitazione e qui vengono sequestrati cellulari e un pc. All'interno, salvate, le foto di nudo della ragazzina.

L'epilogo e l'arresto

E' poi scattato il processo, quindi è arrivata la condanna a 4 anni e sei mesi. Ieri i carabinieri di Castiglion Fibocchi hanno eseguito l'ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Bologna. L’arrestato dovrà scontare la pena per i reati di tentata violenza sessuale aggravata e pornografia minorile aggravata: è ora ristretto nella casa circondariale di Firenze.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costringe una 12enne a inviargli su Facebook le foto nuda: arrestato

ArezzoNotizie è in caricamento