Sembrano puliti, ma non lo sono: ecco gli oggetti a cui prestare attenzione

Dallo strofinaccio alle chiavi di casa, tendiamo spesso a trascurarli durante le pulizie ma sono ricettacolo di germi

Oggi più che mai prestiamo attenzione alla pulizia e all'igiene tra le mura domestiche. Tra gli oggetti igienizzati quelli maggiormente utilizzati come smartphone e computer, ma anche i giochi dei più piccoli. Il ministero della Salute ha redatto in termini di resistenza del virus sulle superfici e di resistenza su di esse. L'igiene insieme al distanziamento sociale è l'arma più potente che fino ad ora conosciamo per combattere questo nemico invisibile (guarda le indicazioni). Non mancano gli oggetti che tendiamo a tracurare e a cui invece rivolgere attenzione durante le pulizie. 

Strofinacci

Complice l’umidità, gli strofinacci rientrano tra gli oggetti che entrano più in contatto con germi e batteri. Di conseguenza andrebbero disinfettati dopo ogni loro utilizzo, evitando di lasciarli sporchi e bagnati. Prepara un litro di acqua calda aggiungendo mezza tazza di succo di limone. Metti a bagno gli strofinacci per circa mezz’ora, dopodiché risciacquali. Infine lasciali asciugare al sole, ed ecco che saranno puliti e disinfettati. 

Hi-tech, ma ricettacolo di batteri: come pulire e sanificare il cellulare

Spugne

Così come gli strofinacci, anche le spugne rimanendo bagnate vedono proliferare germi e batteri in grande quantità, diventando un rischio per la nostra salute. Prepara un bicchiere di acqua e aceto di vino bianco dove immergere le spugne usate. Una volta tolte dal bicchiere, per aciugarle sarà necessario metterle nel forno a microonde ad alta temperatura. 

Chiavi di casa

Le chiavi di casa sono un oggetto che nessuno o quasi pulisce, dimenticando che vengono a contatto tutti i giorni con più persone e con diverse superfici. Per lavarle è sufficiente utilizzare del sapone antibatterico, molto efficace per eliminare sporco e batteri.

Come disinfettare tastiera e schermo del pc da batteri e germi

Lavandino della cucina

Utilizzato più volte al giorno, il lavandino della cucina ospita residui di cibo, stoviglie sporche e acqua di risciacquo. Con questo mix di sporcizia, diventa un posto di grande accumulo per germi e batteri. Per disinfettare il lavello sarà necessario pulirlo con uno dei prodotti specifici che si trovano in commercio. Volendo, puoi anche spruzzare dell’acqua ossigenata su tutta la superficie, lasciarla agire per circa 10 minuti e risciacquare passando una spugna. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come pulire i giocattoli dei bambini

Tappeti 

Trovandosi a terra, i tappeti accumulano molto facilmente polvere, acari, batteri e germi. Tenerli puliti quasi quotidianamente è molto importante per prevenire allergie e altri disturbi, soprattutto se hai in casa dei bambini. Come fare? Capovolgi il tappeto sottosopra e sbattilo in modo da far cadere polvere e briciole, rimuovendole poi dal pavimento con un'aspirapolvere. Successivamente riposiziona il tappeto come prima e, con una spazzola a setole morbide, applica una buona quantità di bicarbonato lasciandolo agire per un'intera notte (prima di aspirarlo). Grazie alla sua funzione germicida, eliminerà dal tappeto germi e batteri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come fare la lavatrice e risparmiare in bolletta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento