Il Superbonus 110% è come un supermercato con offerte pazzesche. Ma bisogna saper fare la "spesa"

Intervento dell'ingegner Cristian Angeli che spiega come districarsi tra le possibilità offerte dalle maxi agevolazioni in tema di ristrutturazione

Sul tema del Bonus 110% riceviamo e di seguito pubblichiamo il contributo di Cristian Angeli, ingegnere, consulente in materia di Superbonus ed esperto in tecnologie costruttive innovative.

di Cristian Angeli

cristian-angeli-1scontorno-2

Per capire cos’è il Superbonus 110% basta pensare a un meraviglioso supermercato nel quale entri, riempi il carrello e alla cassa, anziché pagare, per ogni cento euro di spesa ricevi un buono-regalo da dieci.

Però non vale per tutta la merce, attenzione. Ci sono regole ben precise da rispettare. La spesa deve essere mirata, poiché l’offerta si concretizza solo se puoi dimostrare che, con i tuoi acquisti, la casa farà un salto di qualità dal punto di vista della sicurezza e del risparmio energetico. E se ti sbagli, se non lo dimostri e se non lo fai nei tempi e nei modi giusti, non solo devi pagare tutti i prodotti, ma prendi anche una sanzione.

Più o meno il meccanismo è questo. Ed è per questo che il Superbonus - per ora - si sta limitando ad essere una grande offerta da volantino della quale, nella pratica, solo in pochi stanno beneficiando.

Non è che non sia vera, intendiamoci. È una opportunità senza precedenti che, realmente, può portare alla riqualificazione energetica e strutturale degli edifici a costo zero.

E allora, cosa non sta funzionando?

La procedura che porta al 110% è lunga e complessa, per certi versi anche incerta. Va gestita con molta attenzione da professionisti qualificati.

Tra i problemi principali c’è quello delle tempistiche. La scadenza per ultimare i lavori è molto ravvicinata (prima era il 31 dicembre 2021, ora è stata prorogata al 30 giugno 2022) e si somma alla lentezza degli uffici pubblici preposti a dare risposte tecniche essenziali per avviare i progetti. Poi c’è da dire che di tecnici competenti su questa specifica materia se ne trovano pochi e di imprese disposte a fare lo sconto in fattura (che è l’anello magico del gioco) ancora meno.

Si, perché l’utente che pensa di potersi affidare direttamente alla banca per la cessione del credito spesso ne esce scoraggiato per la mole di documenti richiesti e finisce per abbandonare l’idea.

Comunque, se ad oggi gli effettivi beneficiari sono stimati in poche migliaia in tutta Italia, molti confidano di trovare la quadra e mettersi in pista nei prossimi mesi, con la speranza di fare in tempo a eseguire i lavori entro i termini fissati.

Dal punto di vista tecnico ogni caso deve essere analizzato singolarmente. Non esiste una regola fissa per stabilire se un immobile può fruire o meno del Superbonus. Per chi fosse interessato, anche se ancora incerto, è consigliabile inoltrare fin da subito la “richiesta di accesso agli atti” in comune e presso gli uffici del genio civile. Non costa nulla e può esser fatta anche senza l’intervento di un tecnico.

Infatti anche questo è uno dei punti critici. Per avviare le pratiche del Superbonus è necessario che l’immobile risulti conforme ai progetti depositati, salvo il caso in cui sia stato costruito prima del 1967.

In sé è una cosa banale ma gli Uffici sono lenti a rispondere e solo questa verifica preliminare può richiedere vari mesi di attesa.

Poi il proprietario dovrebbe interrogarsi sulle reali esigenze del suo immobile e riferirle a un tecnico di fiducia, che è tenuto ad ascoltarlo attentamente. Chi, meglio del proprietario, può conoscere le problematiche della propria abitazione? Se emerge che non vi sono particolari esigenze di trasformazione o di rinnovamento (strutturale o energetico) il Superbonus va lasciato agli altri. Meglio disilludere coloro che, tornando alla metafora iniziale, pensano di “riempire il carrello” solo per sfruttare l’offerta speciale, dimenticando che ogni intervento deve essere verificato, documentato e asseverato da vari professionisti.

Poi c’è la fase operativa. È necessario innanzitutto uno studio di fattibilità: sopralluoghi, misure, sondaggi. Una sorta di “anamnesi” finalizzata a raccogliere le informazioni necessarie per formulare una successiva “diagnosi”, a sua volta necessaria per dare il via ai progetti. In questa fase è molto importante costruire un quadro economico preliminare, che consenta al proprietario di capire qual’è il plafond disponibile e, soprattutto, quali potrebbero essere i costi degli interventi, per sapere se rientrano nei massimali o se dovranno essere oggetto di esborsi diretti.

Inoltre è opportuno chiarire in quale forma il proprietario intende fruire del Superbonus. In base alla sua capienza fiscale e con l’aiuto di un commercialista potrà scegliere fra detrazione diretta, sconto in fattura da parte dell’impresa, o cessione del credito a una banca. Senza escludere la possibilità di soluzioni combinate: ad esempio una parte del credito può essere ceduto a un soggetto terzo (banche, ma non solo) e una parte può essere detratto direttamente.

Ed è proprio quest’ultima, non tutti lo hanno capito, la formula più conveniente per fruire del Superbonus, poiché consente di “marginare” il 10% dell’importo dei lavori nei successivi 5 anni, scalando anch’esso dalle tasse. Richiede però liquidità, in quanto presuppone il normale pagamento delle fatture dei fornitori.

L’iter procedurale appena delineato è lo stesso sia per l’Ecobonus, che riguarda gli aspetti energetici ed impiantistici, sia per il Sismabonus, relativo alla sicurezza strutturale.

Ogni intervento prevede un preciso massimale di spesa che varia a seconda del tipo di immobile, con una netta distinzione tra unità immobiliari singole e unità in condominio.

Ad esempio il proprietario di un edificio singolo monofamiliare ha diritto a 96.000euro per gli interventi antisismici, a 50.000euro per l’efficientamento energetico, a 30.000 per la sostituzione degli impianti e a ben 54.000 per gli infissi. Tutto detraibile al 110% e iva inclusa. Tanti soldi.

E così, tradotto in pratica, per la parte strutturale la villetta potrà essere rinforzata nelle fondazioni, oppure potrà essere rifatto il tetto, magari sostituendolo con uno più leggero (e più bello) in legno. Dal punto di vista energetico potrà essere realizzato il “cappotto” termico e sostituita la caldaia con una di ultima generazione, più efficiente. Un rinnovamento pressochè totale, che migliora il comfort abitativo e la sicurezza in caso di terremoto.

Quello che conta è che gli interventi siano effettivamente realizzati e che determinino un reale salto di qualità nelle prestazioni dell’edificio, che dovranno essere sempre certificate da un professionista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sauna, ampio terrazzo e ambiente moderno: un attico da sogno nel centro di Arezzo

  • Bonus Verde 2021: come avere la detrazione e rinnovare il giardino

  • Una casa colonica da sogno in vendita alle porte della Valdichiana

  • Moderno e luminoso: un quadrilocale unico a due passi dal centro

  • Come eliminare gli odori in cucina in modo naturale

  • Le migliori scope elettriche

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento