Civitella, si allarga il numero di frazioni raggiunte dalla fibra ottica

Complessivamente nel territorio comunale di Civitella in Val di Chiana sono stati collegati con la fibra ottica 12 armadi stradali, di cui 9 già attivi e i restanti 3 che saranno “accesi” entro aprile, per un totale di circa 2000 unità immobiliari

Con il collegamento in fibra ottica degli armadi stradali che servono le frazioni di Viciomaggio e Badia al Pino e in parte quelle di Pieve al Toppo e Tegoleto, è stata completata da parte di TIM la copertura in banda ultralarga del comune di Civitella in Val di Chiana per consentire a imprese e cittadini di utilizzare connessioni superveloci fino a 200 Mbit/s. 
Complessivamente nel territorio comunale di Civitella in Val di Chiana sono stati collegati con la fibra ottica 12 armadi stradali, di cui 9 già attivi e i restanti 3 che saranno “accesi” entro aprile, per un totale di circa 2000 unità immobiliari. L’iniziativa ha dato una risposta tempestiva e concreta alle crescenti esigenze di connettività in un periodo in cui smart working e didattica a distanza sono diventati fondamentali.

Si tratta di un importante risultato, fortemente voluto e perseguito dall’Amministrazione locale, ottenuto grazie all’importante investimento fatto da TIM  e alla collaborazione fornita dagli uffici comunali, fattori che hanno consentito di realizzare rapidamente le attività di scavo e di posa della fibra.
Questa collaborazione ha consentito di realizzare nella cittadina in provincia di Arezzo una rete in grado di offrire servizi tecnologicamente evoluti, in linea con la nuova strategia aziendale che ha l’obiettivo di dare impulso alla trasformazione digitale del Paese.
Grazie alla fibra, le imprese potranno così accedere al mondo delle soluzioni professionali quali ad esempio lo smart working, la unified communication, la videosorveglianza in HD e i servizi di cloud computing aziendali, come le applicazioni software as a service.
La connessione ad alta velocità consente inoltre di fruire di contenuti multimediali d’intrattenimento contemporaneamente su smartphone, tablet e smart TV.

"L’attrazione di un territorio sia da un punto di vista economico che turistico, non può più prescindere dalla dotazione di fibra ottica, strumento indispensabile per poter vivere e lavorare nei territori – dichiarano il Ginetta Menchetti sindaco di Civitella in Val di Chiana e l’assessore all’Innovazione Andrea Tavarnesi - Nonostante gli inevitabili disagi procurati durante i lavori, non abbiamo esitato a collaborare con le aziende impegnate in questa progettualità come l’azienda Tim nella fattispecie. Auspichiamo che in un imminente futuro anche altre frazioni del Comune totalmente sprovviste di tale infrastruttura come Pieve a Maiano possano accedere a questo innovativo e ormai fondamentale servizio".

"A Civitella in Val di Chiana abbiamo portato a termine un importante intervento di sviluppo della rete a banda ultralarga  che permette ai cittadini e alle imprese di usufruire di numerosi servizi innovativi necessari allo sviluppo del territorio - ha dichiarato Ernesto Bianchi, Responsabile Field Operations Line Toscana Est di TIM – Sfruttando infatti le potenzialità della rete in fibra ottica, con una connessione veloce e sicura, oggi si è in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale, puntando anche alla maggiore efficienza dei servizi al cittadino. Si tratta di una iniziativa che conferma l’impegno di TIM nel mettere a disposizione delle comunità locali le proprie competenze ed infrastrutture, proponendosi come partner di riferimento per le Pubbliche Amministrazioni e le imprese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La casa perfetta per vivere tra olivi, pace e un panorama unico

  • Una villa da sogno nel cuore di Cortona

  • Come pulire a fondo le zanzariere con pochi e semplici prodotti

  • Trasformare una finestra in un balcone per rilassarsi e coltivare hobby

  • Come scegliere la lavastoviglie per piatti puliti e brillanti

  • La differenza tra voltura e subentro, tutto quello che c’è da sapere

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento