Storie a 4 zampe

Storie a 4 zampe

Fuochi d'artificio e animali domestici, l'allarme: "Se i cani scappano, con l'ordinanza contro il Lyssavirus lunga quarantena"

"La nostra esperienza ci ha sempre mostrato come i fuochi d’artificio siano causa di allontanamento degli animali domestici dalle proprie abitazioni si raccomanda quindi di tenere ben custoditi i propri"

Fuochi di San Donato e ordianza per contenere il Lyssavirus, per chi ha animali domestici si prospetta una notte difficile. A illustrare la situazione sono le sezioni aretin delle associazioni Enpa, Oipa e Wwf. 

"L’ordinanza emessa dal sindaco Ghinelli  (n° 143 del 29 giugno 2020 ) in merito al recente episodio di Lyssavirus - ricordano gli animalisti -  impone che : i cani accalappiati in quanto rinvenuti vaganti non siano restituiti ai possessori se non abbiano subito favorevolmente il periodo di osservazione di mesi 6, riducibili a mesi 2 qualora i cani vengano sottoposti a vaccinazione antirabbica postcontagio con le modalità stabilite dal DPR 08.02.54 n. 320, art. 87 con addebito delle spese agli stessi possessori
In questo delicato momento sarebbe stato quindi  coerente , da parte del Sindaco , annullare i consueti fuochi d’artificio previsti per San Donato".

Gli animali domestici, sottolineano Enpa Oipa e Wwf, hanno i sensi molto più sviluppati rispetto a quelli umani, a partire dall’udito e dalla sensibilità visiva.

"La nostra esperienza ci ha sempre mostrato come i fuochi d’artificio siano causa di allontanamento degli animali domestici dalle proprie abitazioni si raccomanda quindi di tenere ben custoditi i propri cani  la notte di San Donato per evitare che un eventuale ingresso in canile comunale lo obblighi a starci per un periodo di 6 mesi. Si invita inoltre a dotare il proprio amico di medaglietta identificativa".

Storie a 4 zampe

Una laurea, un master e tanta voglia di raccontare la propria città.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento