Storie a 4 zampe

Storie a 4 zampe

Due cani da caccia scappati: "Aiutateci siamo disperati, uno è ferito al collo"

Appello di una famiglia a cui sono scappati due cani da caccia, si tratta di due femmine di maremmani tigrati. Ci sono stati vari avvistamenti nelle ore successive - Ritrovati

La razza dei cani maremmani tigrati

Sono in corso da ieri, ma finora senza esito, le ricerche di due cani da caccia femmine. Si tratta di due maremmani tigrati, come quelli nella foto di copertina.

I due cani sono scappati da dove sono custoditi di solito, in una campo a Ca' De Cio. Nelle ore successive ci sono stati alcuni avvistamenti, alle 17 al distributore di Ceciliano, alle 18:30 alla rotonda di Ceciliano e stanotte vicino a una casa di Patrignone, ma nessuno è riuscito a prenderli, si fanno avvicinare solo dal padrone. Volontari dei gruppi cinofili di Arezzo sono alla ricerca, insieme alla famiglia.

Proprio nell'ultimo avvistamento a Patrignone è emerso che una delle due femmine di maremmani è ferita al collo.

"Siamo disperati - fanno sapere dalla famiglia - chiunque li avvisti o abbia notizie utili per il loro ritrovamento non esiti a contattarci."

Sono due i numeri di telefono messi a disposizione, quello del padrone, 339/6016910 e quello della figlia, 392/3767480.

AGGIORNAMENTO: I cani sono stati ritrovati per la felicità della famiglia che li cercava ormai da giorni. Uno di loro ha avuto bisogno di cure veterinarie per alcune ferite.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiordaliso, lite con il capotreno nella tratta Arezzo-Roma: "Ho dovuto pagare il biglietto per due chihuahua"

  • Batterio killer New Delhi in Toscana: arrivano i test rapidi. E Mugnai scrive al ministro della Salute

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Batterio New Delhi: un caso nell'Aretino. Il monitoraggio e la prevenzione in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento