ArezzoNotizie

Opinioni

ArezzoNotizie

Redazione ArezzoNotizie

Quelle casette sbagliate e in ritardo di molti mesi

Non c'è giustificazione che possa alleviare le sofferenze di chi vive dal 30 ottobre 2016 in roulotte o in camper perché ha perso tutto con il terremoto. Non c'è giustificazione per uno Stato che non ha saputo andare oltre le parole nella gestione...

Visso-4

Non c'è giustificazione che possa alleviare le sofferenze di chi vive dal 30 ottobre 2016 in roulotte o in camper perché ha perso tutto con il terremoto. Non c'è giustificazione per uno Stato che non ha saputo andare oltre le parole nella gestione del post terremoto del centro Italia. A un anno e due mesi dalle ultime scosse devastanti le casette di legno per l'emergenza consegnate sono poche (in alcuni paesi pochissime) e per lo più mal costruite e inabitabili per via di difetti legati sopratutto al fatto che sono state progettate per luoghi diversi dai Monti Sibillini o paesi di montagna in genere.

Non si può nemmeno pensare che dopo tanto tempo non si è stati in grado di consegnare casette adatte ai luoghi. Cosa si è fatto in questo anno? Non si sono progettate casette, ma si sono sfruttati progetti preesistenti inadatti alla bisogna, non si sono realizzate le casette, non si è provveduto per tempo a preparare le aree destinate al loro insediamento.

A Visso sono state consegnate 40 casette su 250 circa; a Ussita solo 17. Se in mezzo alle montagne la temperatura scenderà come sa fare d'inverno, l'acqua gelerà (in qualche caso l'ha già fatto) nei i tubi non adeguatamente protetti.

La partenza delle ricostruzioni è ancora una chimera e le poche attività commerciali che hanno ripreso ad aprire i battenti durante lo scorso anno boccheggiano per lo scarso lavoro.

C'è ancora chi vive in roulotte o in camper, chi sfollato altrove.

La strada provinciale della val Nerina è ancora chiusa, pertanto Terni e Visso non sono collegate, se non percorrendo vie di montagna.

Insomma, il terremoto è stato l'esempio dell'attuale inaffidabilità dello Stato e del fatto che le parole lasciano troppo spesso il tempo che trovano, o giù di lì.

Solidarietà piena ai terremotati.

nella foto: Il duomo di Visso nel luglio 2016

Si parla di

Quelle casette sbagliate e in ritardo di molti mesi

ArezzoNotizie è in caricamento