rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Psicodialogando

Opinioni

Psicodialogando

A cura di Barbara Fabbroni

Come liberarsi da una relazione tossica: tutti gli step da seguire

A volte l’unica via è quella di interrompere il circolo vizioso della tossicità relazionale poiché non c’è possibilità alcuna di incamminarsi in una trasformazione co-condivisa

Le relazioni tossiche non aiutano, lo abbiamo detto tante volte, seppur spesso accade che incontriamo persone che catturano la nostra attenzione tanto da intrappolarci in situazioni relazionali malsane. Come si può riconoscere una relazione tossica? È più facile a dirlo che a farlo! Spesso le persone sono abituate a relazioni tossiche poiché è quello che hanno sperimentato sin dalla loro nascita con i genitori. Pertanto, la cosa si fa più difficile.  
Quali sono i segnali del malessere legato alle relazioni in cui prevalgono comportamenti disfunzionali come manipolazione, bugie, sopraffazione o violenza, psicologica e fisica? Perché è importante proteggersi da un rapporto malato?
Partiamo da un dato importante: ogni relazione ha alti e bassi, è nella natura fisiologica delle relazioni siano esse amicali, affettive o con i genitori. I momenti critici aiutano e insegnano, sviluppano le relazioni portandole in territori più solidi e profondi. Quando siamo o crediamo di essere all’interno di una relazione tossica non sempre chiudere è la cosa migliore da fare, soprattutto in un primo tempo della consapevolezza raggiunta.  
Spesso è utile lavorare sul dialogo, sulle aspettative reciproche o sulla costruzione di nuovi equilibri, più adatti ai cambiamenti che la vita mette davanti modificando indirettamente anche le relazioni. Nella vita tutto cambia e si trasforma nulla resta immutato. Bisogna però sapere che a volte l’unica via è quella di interrompere il circolo vizioso della tossicità relazionale poiché non c’è possibilità alcuna di incamminarsi in una trasformazione co-condivisa. 
Sono quei rapporti in cui prevalgono il malessere, la rabbia, il rancore, la mancanza di rispetto e la menzogna, il tutto avvolto da una fitta nebbia di malessere e violenza (anche solo verbale). Restare insieme sarebbe un conto troppo alto, poiché la vita, la salute, le relazioni esterne sarebbero inquinate e triturate dalle difficoltà.  Relazioni così non hanno futuro alcuno, l’unica via per uscirne è liberarsene. Non è facile ma possibile. Non sarà un percorso senza dolore. Metterà a dura prova ma la meta vale la pena. Riuscire a ritrovare la propria serenità, il proprio equilibrio, la propria esistenza non ha prezzo. Il viaggio non sarà semplice ma tuttavia sarà necessario. L’unico compagno di viaggio in questo itinerario è la consapevolezza che poi la persona potrà essere libera e capace di agire per il proprio bene, tanto da aprirsi nuovamente alla vita con la curiosità e fiducia.
Il primo passo è la presa d’atto che non sarà una passeggiata di benessere ma emergeranno sentimenti forti, tra cui dolore, rabbia, confusione, dubbio, mancanza, paura. Senza questo passaggio non ci sarà futuro libero. È un percorso che porterà fuori dal tunnel ma ha un costo da pagare. 
Spesso la paura di sbagliare o di restare soli fa da padrone ed impedisce la trasformazione. Però se la persona è convinta e determinata nel varcare la soglia per un nuovo viatico di consapevolezza e cura di sé non resta che avviarsi in questo percorso attraverso 5 passi:
accogliere i sentimenti che emergeranno sia buoni sia negativi; ogni cambiamento necessita del dovuto tempo, non avere fretta; apriti al nuovo, crea un territorio vergine non contaminato dalle tue esperienze passate; scegli le persone giuste, liberati dalla zavorra del passato che non ti ha aiutato a vedere oltre il tuo naso; abbi cura di te, ricordati che il tuo corpo e la tua mente sono le uniche cose che ti terranno compagnia per tutta la tua vita.  
Sappi che questa è la vita e il cammino nella vita come dice Antonio Machado si fa solo andando. Buon viaggio viaggiatore di emozioni, pensieri e coraggio. 

Si parla di

Come liberarsi da una relazione tossica: tutti gli step da seguire

ArezzoNotizie è in caricamento