Lunedì, 14 Giugno 2021
Psicodialogando

Opinioni

Psicodialogando

A cura di Barbara Fabbroni

Il linguaggio hot sotto le lenzuola: i 5 consigli dello psicologo per il dirty talk che aiuta il sesso

Le frasi hot infuocano l’incontro intimo e fanno volare la fantasia. E possono rinnovare anche una relazione stanca del quotidiano. Ma attenzione, ci vuole intelligenza e sensibilità per capire fin dove spingersi. Il parere di Barbara Fabbroni

Immagine tratta da Pixabay

Esiste dalla notte dei tempi, ma in questo periodo ha acquistato quel pizzico di coinvolgimento ancor più avvincente ed erotico, che rende le relazioni intriganti e stimolanti. Sono molte le coppie che utilizzano il dirty talk, tanto da fargli acquistare un posto privilegiato nell’arte erotica, rivista e rinnovata con il “dirtysutra”. Le frasi hot infuocano l’incontro intimo e fanno volare la fantasia. E possono rinnovare anche una relazione stanca del quotidiano ritmo di convivenza, dove tutto si conosce a menadito.

Ha la capacità di rendere più intensi e piccanti i momenti d’amore, di coinvolgere il partner attraverso un mezzo che non è necessariamente un contatto stretto. Il dirty talk si può praticare anche attraverso la chat, la comunicazione telefonica, Skype, e dà buoni risultati. E' una strategia per vivere al meglio l’intimità sperimentando situazioni inesplorate. È decisamente un aiutino anche per i più riservati che si sentono liberi di lasciare andare il loro linguaggio erotico senza freni inibitori. Una vera e propria palestra per tonificare e rafforzare l’incontro intimo e d’amore.

Ma perché bisogna parlare sporco per trovare un’intesa maggiore? Per sperimentare un’attrazione un po' sopita?

La volgarità e le parolacce, pronunciate quando gli ormoni stanno prendendo fuoco, attizzano la fantasia e scatenano l’inferno di fuoco bollente.

Esprimersi in modo sessualmente esplicito durante l’amplesso eccita maggiormente il partner. È un’arte che non va assolutamente volgarizzata e banalizzata poiché, se ben gestito, il gioco erotico sprigiona una performance sessuale molto soddisfacente e regala momenti decisamente intensi.

Riuscire a liberare il linguaggio e lasciarlo fluire, arricchendolo di fantasia erotica, attiva una serie di risposte e una spinta adrenalinica importante.

Le espressioni scurrili aiutano a innalzare il ritmo della performance. Come in ogni arte, non solo conta quello che si dice e si fa, ma è fondamentale il “come”.

Il tono con cui si pronunciano alcune frasi può essere più o meno intenso e veicolante per il piacere. L’importante è non cadere nel monologo solitario dove non si finisce mai di pronunciare frasi hot: deve esserci uno scambio e un’interazione ritmica perché il gioco erotico abbia il suo effetto.

Chiaramente, entrambi i partner devono avere una mentalità aperta, amare il gioco seduttivo-erotico, non offendersi ed essere pronti a sperimentare. Praticarlo con un compagno perbenista potrebbe produrre l’inevitabile conseguenza dell’allontanamento.

La volgarità può risultare sconveniente e indecorosa, ma può rivelarsi veramente eccitante se accompagnata da un registro appropriato.

Parlare in maniera libera a letto aiuta a sciogliere le catene del freno sociale, del perbenismo che spesso ingessa le relazioni, ha capacità catartiche e liberatorie, sprigiona le emozioni e le fantasie più intime ed è un gioco assolutamente democratico, poiché entrambi i partner sono parte attiva dell’interazione. Soprattutto, non ci sono livelli sociali differenti: ognuno può liberamente ispirarsi senza per questo non rispettare l’altro.

Come in tutti i giochi erotici ci sono delle regole importanti da tenere ben presente per non cadere in errori banali che possono rovinare l’intesa.

C’è uno spartiacque che permette di mantenere l’equilibrio; non bisogna mai travalicare il confine tra piacere, bellezza e orrore del comportamento. L’aggressività non rientra all’interno di questo corollario erotico, ma appartiene a una sfera completamente diversa; la parola deve essere utilizzata come stimolo, non come lama tagliente.

Bisogna tenere presente che gli uomini e le donne hanno parametri differenti: i maschi sono generalmente più spinti.

Come non immergersi nelle infinite possibilità che questa pratica apre? Fin dove è corretto spingersi nella trasgressione, sapendo che il troppo è troppo, ma il poco è noioso?

Il dirty talk ha le sue regole. È importante seguirle per non incappare nell’effetto opposto e ritrovarsi completamente a bocca asciutta con il testosterone che non si dà pace.

La libido va ben gestita e degli accorgimenti permettono di farla salire fino alle stelle.

I cinque passi per un piacere perfetto

  1. Uno è la confidenza. Ricordati che, per lasciarti andare a un linguaggio spinto, devi rispettare ciò che sei senza vestire i panni dismessi alla Rocco Siffredi o dell’ultima porno star. Tutto ha il suo giusto equilibrio e se vuoi il massimo da questo gioco erotico devi saper calare le giuste carte al momento più opportuno. La fretta porta solo a commettere errori.
  2. Due: non tuffatevi subito nel pieno coinvolgimento del dirty. Per ottenere un buon risultato e una soddisfacente performance è importante accendere bene l’incontro. Potete aiutarvi con un buon calice di vino, candele accese, una cenetta romantica con cibo afrodisiaco e piano piano, durante la cena, iniziare a immergersi nel meraviglioso mondo del dirty talk. Questo gioco lo si costruisce passo dopo passo, mai avere fretta, tenetelo bene a mente, altrimenti passate per maniaci e restate con un palmo di naso.
  3. Tre: come tutte le cose bisogna avere il giusto equilibrio tra momenti di tenerezza tradizionale e la comunicazione più spinta. Dosare tutto permette di godere al meglio la situazione, senza viversi un incontro fatto solo di insulti, parolacce e volgarità. Una serata così non lascia sicuramente appagati, invece, se il tutto è ben organizzato e giocato al meglio, sarà una grande soddisfazione. Essere selvaggi non presuppone né aggressività, né volgarità senza freni, ma ha in sé anche note tenere e accoglienti dove i partner si sentono al sicuro e pronti a giocare e lasciarsi andare.
  4. Quattro: non fatelo diventare un’abitudine, altrimenti diventerà noioso. Arricchitelo con intermezzi differenti, portate fantasia, cambiate scenari, giocate a situazioni inaspettate, sorprendetevi e non fate che l’unico luogo per la vostra sessualità sia il letto. Scontato e sperimentato all’infinito! Comodo, ma sai “che barba che noia”.
  5. Cinque: fantasia! Ma solo nel momento intimo. Dovete tenere ben a mente che non è la realtà. È semplicemente un gioco che aiuta a stimolare maggiormente i recettori del piacere e a scatenare una risposta intensa durante l’orgasmo. Cercate di essere voi gli attori autori di questo gioco e di non farvi sopraffare dall’abitudine forzata. Sarebbe come annullarsi e non esistere.

L’amore non è solo un atto fisico ma si può fare anche con le parole, saperle usare bene raddoppia il piacere di entrambi, stuzzica la fantasia e fa sentire più vicini.

Se proprio questo gioco non fa per te, non drammatizzare. Basta parlarne apertamente con il partner e trovare una soluzione che gratifichi entrambi. I giochi erotici devono essere condivisi e goduti da entrambi, altrimenti non funzionano e portano alla fine della relazione. Il consiglio è: giocate, ma sempre in armonia e sintonia tra voi!

Si parla di

Il linguaggio hot sotto le lenzuola: i 5 consigli dello psicologo per il dirty talk che aiuta il sesso

ArezzoNotizie è in caricamento