rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Psicodialogando

Opinioni

Psicodialogando

A cura di Barbara Fabbroni

Ricominciare dopo un lutto: i consigli per affrontare il dolore

Non tutte le persone riescono ad effettuare qual cammino tanto doloroso quanto indispensabile dell’elaborazione del lutto

Un lutto ha in sé un dolore intenso che conduce all’interno di un tunnel dove regna solo la notte più buia. Le persone che sperimentano la perdita di un amore vivono un’esperienza naufragante, tanto da smarrirsi alla ricerca di un significato che non c’è, non si trova, non è possibile. 
Quando si perde un amore importante si entra in un circolo vizioso fatto di ricordi, nostalgia, rimpianti, dolore, il tutto condito da frasi come: “se avessi fatto, se avessi detto …”. In quel momento si comprende che il partner è qualcosa che ci appartiene visceralmente, è un sentimento e una presenza interiorizzata che ci viene strappata come se nulla potesse trattenerlo(a) in vita. È pur vero che in una relazione lunga spesso si danno degli scontati, si evita di riflettere su alcuni aspetti, così il perdersi dietro a falsi problemi, discutere, amareggiarsi fa perdere di vista la cosa più importante: la presenza viva dell’altro(a). 
Quando un partner viene a mancare a causa di una malattia, per un incidente all’improvviso o di vecchiaia, insieme a lui o lei, viene a mancare il sentimento, l’intimità e la sessualità, il calore di un abbraccio o di un risveglio, le rassicuranti abitudini, lo sguardo verso il domani. Sé stesso nell’altro. È lo smarrimento più totale, il naufragio in un mare amaro e senza emozioni, tranne che il dolore diventa l’unico vero compagno di viaggio. 
Perdere un coniuge, così come perdere un affetto importante, è una delle esperienze più dolorose che ci siano. Rimane un vuoto incolmabile, un abisso, un dolore atroce.
Come poter affrontare un’esperienza simile?
Ci vuole tempo, molto tempo. All’inizio non è facile ma c’è una strada da percorrere. L’elaborazione del lutto ha le sue fasi:

  • Fase del Rifiuto e Negazione.  
  • Fase della Rabbia. 
  • Fase del patteggiamento o contrattazione. 
  • Fase della Depressione.  
  • Fase dell'accettazione.

Ogni momento va vissuto nella sua pienezza senza cercare di trovare degli escamotage per andare oltre, poiché tanto si riaffacciano. 
Non tutte le persone riescono ad effettuare qual cammino tanto doloroso quanto indispensabile dell’elaborazione del lutto. Le conseguenze di un lutto non elaborato sono tante: destabilizzanti e altamente pericolose per la psiche e la qualità di vita.
Il consiglio è vivere l’oggi con la massima intensità, non lasciare nulla in sospeso perché la vita è un battito d’ali con mille incertezze e precarietà.

Si parla di

Ricominciare dopo un lutto: i consigli per affrontare il dolore

ArezzoNotizie è in caricamento