Venerdì, 17 Settembre 2021
Psicodialogando

Opinioni

Psicodialogando

A cura di Barbara Fabbroni

Il Principe Azzurro esiste. Ma non sarà mai come tuo padre

Nella nuova puntata della rubrica Psicodialogando, Barbara Fabbroni spiega quali sono le trappole che si possono presentare nella ricerca dell'amore

Immagine tratta da pixabay

Dov’è finito il Principe Azzurro? Domanda scottante ma interessante! La ricerca dell’anima gemella è, per molti, importantissima. Diciamolo pure con franchezza: è il sogno dei sogni, ma anche ad essere sinceri l’impresa delle imprese!

Ogni donna, anche la più scettica e resistente, ha dentro di sé nascosta una parte da inguaribile romantica. C’è chi lo ammette, chi lo nega, chi sorride alla domanda, chi fa finta di nulla pur di difendere con le unghie e i denti la sua indipendenza. Ma care signorine ammettetelo almeno una volta nella vita: il Principe Azzurro è venuto a trovarvi nei vostri sogni. A condire di buono questo sogno ci si mettono anche i social, dove, soprattutto tra i vip, si scoprono coppie felici e serene, innamorate e sognanti, roba da far stuzzicare l’invidia anche alle più generose.

barbara-fabbroni2-2
Barbara Fabbroni

Chi non vorrebbe la sorpresa di Chiara Ferragni per festeggiare 3 anni di matrimonio? Chi non sogna un amore grande grande come quello tra Moser e Rodríguez? Oppure la love story più felice negli over ovvero quelle tra Clerici e Garrone, Ventura e Terzi, Venier e Carraro?

Sì, ma dove si trova il Pinripe Azzurro? E come si fa a riconoscerlo? Non basta guardare il film “Principe Azzurro cercasi” bisogna avere i giusti ingredienti e le giuste strategie, per individuarlo.

È pur vero che se non arriva in giovane età la cosa si fa complicata. Man mano che passano gli anni la maggior parte delle principesse crescono, toccano la realtà con mano, capiscono che la vita è fatta di carbone, con un passaggio all’inverso si trasformano in Cenerentola e trovano, prima o poi, una persona piacevole ma “umana”. Ma non è tutto. Ci sono delle donne che restano imprigionata nella bolla di sapone dell’infanzia, ma la realtà è un’altra e da lì val la penna spostarsi, pena la nullità a vita. Affinché il Principe azzurro si materializzi dovete evitare di:

  • Cercare un uomo che racchiuda le caratteristiche di vostro padre.
  • Evitare di fare la maestrina con il proprio compagno, fidanzato, il rischio che scappi a gambe levate alla prima occasione che gli capita.
  • Evitare gli uomini sposati o che vivono in luoghi diversi dal vostro. Una relazione va vissuta nel quotidiano non per telefonate o messaggi.
  • Stare con una persona che vi fa sentire sola.

Ricordate: nessuna può passare la vita continuando a baciare rospi nella speranza che l’incantesimo svanisca e il bel Principe salti fuori, ad un certo punto bisognerà essere realiste e cambiare direzione o per meglio dire… sceglierne una perché molto spesso il problema più grande in fatto di uomini è proprio questo: non si sa che “pesci prendere” (se poi è un luccio son guai): a questo punto buona ricerca e viva il Principe Azzurro.

Si parla di

Il Principe Azzurro esiste. Ma non sarà mai come tuo padre

ArezzoNotizie è in caricamento