Non solo Fisco

Opinioni

Non solo Fisco

A cura di Enrica Cherici

Aretina d.o.c.g., giornalista con la passione amaranto. Mamma consapevole, moglie. Dalla tv al web il passo non è stato breve, ma la telecamera l'ho portata con me.

Cashback e lotteria degli scontrini: rimborsi, premi, operazioni ammesse e criticità

Per fare chiarezza, per non sbagliare i calcoli le schede tecniche sul cashback e la lotteria degli scontrini che hanno come obiettivo principale l'abbattimento dell'evasione fiscale

Nel piano cashless varato dal governo rientrano al momento due misure specifiche. L'obiettivo sarebbe quello di contrastare l'evasione fiscale attraverso premi e rimborsi percentuali sulle proprie spese pagate attraverso l'uso di bancomat e carte di credito, disincentivando quindi i pagamenti in contanti. 

Il meccanismo del cashback e la lotteria degli scontrini sono stati al centro dell'ultima puntata di #NonSoloFisco, la rubrica nata dalla collaborazione tra Arezzo Notizie e l'Ordine dei dottori commercialisti della provincia di Arezzo. Il presidente Giovanni Grazzini ha messo in luce vantaggi e contraddizioni di queste misure che potrebbero aver bisogno di qualche miglioria, per sostenere la popolazione anziana nel passaggio dal contante alle carte, per promuovere una campagna di abbattimento delle commissioni bancarie sia per consumatori che per i commercianti sulle transazioni con carte di credito, solo per fare alcuni esempi. E di fronte a tutto questo anche gli esercenti si mostrano preoccupati perché queste incombenze si inseriscono in un periodo in cui la toscana ha oscillato tra la zona rossa e quella arancione, l'attesa di quella gialla e all'orizzonte le nuove restrizioni di Natale.

Il super cashback sperimentale di Natale

Quello attuale è il primo periodo di prova del cashback. Durerà fino al 31 dicembre, termine entro il quale dovranno essere compiuti una serie di passaggi e di acquisti con pagamenti con carte per ottenere la percentuale di rimborso direttamente in conto corrente.

A chi spetta e quando: possono partecipare tutte le persone fisiche (non per acquisti come esercenti impresa o professioni) stando attenti al fatto che in una famiglia vale per ciascun membro maggiorenne. Quindi è cumulabile.

Si ha diritto solo per acquisti «di persona» (no acquisti online): presso negozi, ristoranti, supermercati, artigiani, professionisti; scatta solo per acquisti con carte di credito/bancomat registrati su app Io (per il quale serve munirsi di spid o c.i. elettronica) o aderenti a circuiti per i quali si sia optato per cashback (es. Nexi, Satispay…) e poi serve l'indicazione dell'iban personale dove arriverebbe l'accredito nel prossimo febbraio 2021.

Qualche calcolo: quanti acquisti fare? Quale ritorno?

Per avere diritto al rimborso servono almeno 10 pagamenti nel periodo che va dall'8 dicembre 2020 ed entro il 31.12.2020, ma si parla di una proroga fino al 6.1.2021. Fatto questo potrà essere ottenuta la restituzione del 10% delle somme spese. Per chiarire meglio è necessario fare qualche esempio. In un totale di 20 acquisti da 25 euro l'uno si accumula una spesa di 500 euro, così sarà accreditato un importo di ritorno di 50 euro. C'è però un limite per operazione: il rimborso di ogni singola operazione non potrà mai essere superiore a 15 euro anche per pagamenti superiori a 150 euro.

Quali operazioni restano escluse dal cashback?

Non rientrano nel conteggio delle operazioni che concorrono alle spese del cashback i pagamenti con bonifici diretti su c/c, quelli con addebito su carta per operazioni ricorrenti (es. utenze di luce e gas), le spese con consegna a domicilio presso supermercati o on line su amazon e altri siti; i pagamenti rateali per un medesimo acquisto: la app se ne accorge e vi esclude dal meccanismo; i pagamenti nell’esercizio di impresa o professioni; le operazioni presso sportelli «atm».

Nel 2021 il cashback entrerà nel regime ordinario 

E' previso che il rimborso del 10% vada dal 1.1.2021 e duri per 3 semestri. Ogni semestre minimo servono 50 transazioni (oltre 8 al mese mediamente) con il limite di 15 euro di cashback per transazione e quindi il rimborso massimo spettante ogni semestre è di 150 euro. Il rimborso avviene entro i successivi 60 giorni. Ai primi 100.000 aderenti che avranno totalizzato il maggior numero di transazioni sarà riconosciuto un premio speciale di 1.500 euro extra. 

La lotteria degli scontrini

Questa misura, a differenza del cashback, richiede un adeguamento software da parte degli esercenti al registratore di cassa collegato al pos, meglio con lettore di codice lotteria per velocizzare. Ma l'aspetto più negativo risulta essere quello delle sanzioni a partire da 500 euro in caso di rifiuto da parte del commerciante contestato dal consumatore. Sembra che varranno solo acquisti di privati cittadini senza uso di contante al pagamento (cashless), ma questo dettaglio non è ancora stato specificato. Prevede premi per i consumatori (15 settimanali da 5.000 euro, 10 mensili da 20.000 euro, 1 annuale da 1.000.000); e premi anche per gli esercenti che sono detassati.

Cosa devono fare i consumatori che vogliono partecipare alla lotteria degli scontrini?

Innanzitutto devono ricordare che valgono solo acquisti in negozi quali privati e solo maggiorenni che previamente hanno richiesto il codice lotteria; per ogni euro speso verrà generato un biglietto virtuale, fino ad un massimo di 1.000 biglietto, se il resto è inferiore ad un euro si genererà comunque un biglietto.

Cosa deve fare l'esercente?

Il codice lotteria del cliente deve essere inserito prima dell’emissione dello scontrino, in caso di vincita l’esercente verra’ avvertito dall’agenzia dogane e monopoli

Come attivarla?

E’ già possibile oggi richiedere online il codice individuale da mostrare agli esercenti inserendo il proprio codice fiscale sul sito www.lotteriadegliscontrini.gov.it. Poi verrà attivato un portale per registrarsi tramite Spid ed inserire i propri dati.

In caso di vincita

 Il 14 gennaio 2021 si terrà la prima estrazione settimanale e poi via di seguito; I vincitori saranno avvisati «riconvertendo» il codice lotteria in codice fiscale; I premi sono pagati mediante bonifico bancario o assegno circolare non trasferibile; Viene inviata al vincitore una raccomandata a/r o una pec per comunicare la vincita. Per chi ha inserito il numero di cellulare nell’area riservata, viene inviato anche un Sms

Cosa è escluso dalla lotteria degli scontrini?

Non ammessi acquisti per spese detraibili in dichiarazione dei redditi (es. spese mediche, medicinali, ecc.) per le quali si comunica il codice fiscale: qualora si volesse partecipare alla lotteria ci si vedrà negata la possibilità di portare tali spese in detrazione; acquisti on-line; acquisti di valore inferiore ad 1 euro; acquisti necessari allo svolgimento di attività di impresa o professionali.

Si parla di

Video popolari

Cashback e lotteria degli scontrini: rimborsi, premi, operazioni ammesse e criticità

ArezzoNotizie è in caricamento