rotate-mobile
Motori

Opinioni

Motori

A cura di Enrico Meacci

Ubriachi al volante, quando le norme e i divieti non bastano più

Noi tutti però abbiamo delle responsabilità non solo come conducenti di automobili ma anche come terzi trasportati. Se vediamo che il nostro amico, parente o conoscente non è in grado di guidare perché ha bevuto dobbiamo impedirgli di mettersi al volante

Purtroppo le cronache di questi giorni hanno messo in risalto i disastri umani e sociali che certi scellerati automobilisti possono causare mettendosi alla guida delle proprie auto ubriachi o drogati. Il tributo di sangue richiesto dalla strada è altissimo. Le vittime di questa settimana da nord a sud d'Italia ne sono la dimostrazione. Bisogna dire basta a certi stili di guida che non rappresentano la passione per i motori e per le quattro o le due ruote, ma sono la dimostrazione della superficialità e della mediocrità di chi li mette in atto. Ubriachi alla guida dell’auto non si può, mai.
Purtroppo il fenomeno è costante anche sulle strade della nostra provincia. "Non pensavo di aver bevuto così tanto", è la frase classica che le forze dell’ordine, dalla Polizia Stradale ai Carabinieri fino ai Vigili Urbani si sentono dire dagli automobilisti sottoposti agli accertamenti del caso durante i controlli sulla strada e trovati positivi all'alcol test o agli stupefacenti.

Il fenomeno della guida in stato di ebrezza è ovviamente più accentuato durante i weekend, ma la guardia va tenuta alta durante tutta la settimana, se si considera che anche in giorni tradizionalmente "tranquilli" infrasettimanali, sono state ritirate delle patenti a persone insospettabili che avevano esagerato magari con l’apericena. E non bastano neanche le sanzioni a scoraggiare questi stili di guida. E' bene ricordare che chi viene trovato alla guida con un tasso alcolemico tra lo 0,5 e lo 0,8 g/l subisce un’ammenda da 500 fino a 2mila euro e la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi.

Se invece il valore alcolico è compreso tra lo 0,8 e l’1,5 g/l il guidatore imprudente verrà sanzionato con un’ammenda fino a 3200 euro, oltre alla possibilità dell’arresto fino a sei mesi e alla sospensione della patente da sei mesi a un anno. Per chi guida con oltre 1,5g/l di alcol nel sangue è prevista l’ammenda fino a 6mila euro, l’arresto fino a un anno, la sospensione della patente da 1 a due anni, il sequestro preventivo del veicolo. La revoca della patente viene disposta quando il conducente, con tasso superiore a 1,5 g/l o sotto l’influenza di droga abbia provocato un incidente.
Noi tutti però abbiamo delle responsabilità non solo come conducenti di automobili ma anche come terzi trasportati. Se vediamo che il nostro amico, parente o conoscente non è in grado di guidare perché ha bevuto dobbiamo impedirgli di mettersi al volante. Ne va della sua e della nostra sicurezza e incolumità. Non esiste nessuna esimente per nessuno.
Chi legge questo articolo e la pensa diversamente, provi ad andare a spiegarlo ai genitori dei ragazzi innocenti straziati per la strada a Bolzano o a quelli delle due ragazze travolte e uccise in questi giorni a Fano.
Prudenza e moderazione sempre.

Si parla di

Ubriachi al volante, quando le norme e i divieti non bastano più

ArezzoNotizie è in caricamento