rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Motori

Opinioni

Motori

A cura di Enrico Meacci

Cara auto, ma quanto mi costi?

Non dobbiamo dimenticare i costi per la manutenzione ordinaria, i tanto temuti tagliandi auto

Si sa la passione per le auto è un lusso che non tutti possono permettersi, a maggior ragione di questi tempi caratterizzati (purtroppo) dalla pandemia, dalle limitazioni, dalle ristrettezze economiche alle quali non ci vogliamo abituare. Eppure non stiamo parlando di supercar blasonate ma della semplice station wagon di famiglia o della seconda auto per la moglie.

Di fatto però mantenere una o due auto (in qualche caso anche tre automobili) per famiglia sta diventando un bagno di soldi. Infatti per ogni auto è necessario disporre di tutti quei denari che servono per coprire le spese annuali di servizio che la nostra quattroruote ci richiede periodicamente.

Nel caso poi di un acquisto (nuovo o di seconda mano) va comunque previsto il budget iniziale per finanziare la spesa. In questo caso si devono aggiungere anche le spese per i necessari passaggi e adempimenti burocratici (tassa di immatricolazione, passaggio di proprietà, ecc).

Cominciamo poi con l’aggiungere la spesa per la tassa automobilistica, il bollo per capirsi. Se poi la nostra auto supera i 185 Kw dobbiamo mettere in conto anche una sovrattassa per ogni chilowatt eccedente. Poi ci sono i costi per la revisione che si fa la prima volta dopo quattro anni dalla prima immatricolazione e poi a seguire ogni due anni.

Non dobbiamo dimenticare i costi per la manutenzione ordinaria, i tanto temuti tagliandi auto. Sono i passaggi in officina ai quali sottoponiamo la nostra auto a scadenze programmate dalla casa madre che possono prevedere un intervallo di tempo, ad esempio ogni anno o magari ogni 15 mila Km.

A tutto questo vanno aggiunte le sostituzioni degli pneumatici al bisogno. Oltre al cambio delle gomme fra primavera e autunno. In caso mettete nel budget anche l’acquisto di un kit di catene da neve da tenere in bauliera per ogni evenienza. Ovviamente va calcolato anche il costo per l’assicurazione per la circolazione stradale che è obbligatoria. Infine i costi per il rifornimento di carburante (qualunque esso sia, benzina, gasolio, metano, gpl, elettrico). Senza dimenticare gli imprevisti che si sa sono sempre dietro l’angolo. Ma a questo punto conviene sempre comprare e mantenere un automobile (se non addirittura due o tre per famiglia) oppure forse è meglio noleggiarla ogni volta che abbiamo una esigenza di mobilità? La discussione è aperta.

Cara auto, ma quanto mi costi?

ArezzoNotizie è in caricamento