Giovedì, 23 Settembre 2021
Lettori Selvaggi

Opinioni

Lettori Selvaggi

A cura di Elena Giacomin

Centro Storico

C’era una volta una goccia, rime suggestive ed illustrazioni che toccano tutte le sfumature del blu

#LettoriSelvaggi è una rubrica sui libri per i più piccoli curata da Elena Giacomin, libreria La casa sull’Albero

C’era una volta una goccia. La storia dell’acqua, James Carter, Nomoco, Lapis Edizioni

“Profetico, anticipatore, innovatore, Gianni Rodari aspettava questi libri. Oggi li condividerebbe con noi nella Biblioteca dei saperi”. Con queste parole Grazia Gotti chiude il capitolo 23 della sezione Essere nelle cose del mondo contenuto ne La Biblioteca dei saperi in cui, tra gli altri, presenta ai lettori anche C’era una volta una goccia, albo dedicato alla storia dell’acqua. Un libro in cui si incontrano divulgazione scientifica e poesia, la cui traduzione è stata affidata alla penna di Alessandro Riccioni, così come è stato per C’era una volta una stella, un viaggio poetico alla scoperta dell’Universo. 

Nel caso di C’era una volta una goccia, rime suggestive ed illustrazioni che toccano tutte le sfumature del blu ci conducono in un tempo molto lontano, quando l’acqua apparve sulla Terra, forse portata da meteoriti che caddero dal cielo. Poi vennero le nuvole, gli Oceani, i continenti con i laghi, i fiumi e le cascate. L’acqua ha il suo ciclo, cambia sempre forma e misura, è un bene prezioso da proteggere e salvaguardare. Serve per lavarsi, per cucinare, i bambini e i grandi ci nuotano attraverso e ci offre sollievo quando fa caldo. Non esiste vita senza acqua ed essere nelle cose del mondo significa familiarizzare, sin dalla più tenera età, con gli elementi che il mondo lo compongono e che contribuiscono ogni giorno allo svolgersi della vita.

E’ per questo che tra i consigli di lettura destinati alla scuola dell’infanzia abbiamo inserito anche libri che avvicinano i più piccoli alla divulgazione della scienza, un settore molto ricco che offre proposte interessanti e di grandi qualità in termini di contenuti e di impianto visivo. Produzioni che, come mostra Grazia Gotti nel suo prezioso saggio, sono portatrici di assoluta novità rispetto al passato. Libri che incuriosiscono e sanno meravigliare e che possono sostenere gli adulti nel rispondere alle domande dei più piccoli per soddisfare il loro bisogno atavico di conoscenza.

Si parla di

C’era una volta una goccia, rime suggestive ed illustrazioni che toccano tutte le sfumature del blu

ArezzoNotizie è in caricamento