Sabato, 19 Giugno 2021
ArezzoNotizie

Opinioni

ArezzoNotizie

Redazione ArezzoNotizie

La crisi ad Arezzo morde ancora. Non per tutti, ma per molti

Dal 2008 a oggi è stata una carneficina. Ad Arezzo, regno del superfluo, più che altrove. L'oro è diventato difficilissimo da vendere e tutti quei catenisti spiccioli che avevano poca arte in mano se ne sono andati insieme a tanti industriali e...

peanuts

Dal 2008 a oggi è stata una carneficina. Ad Arezzo, regno del superfluo, più che altrove. L'oro è diventato difficilissimo da vendere e tutti quei catenisti spiccioli che avevano poca arte in mano se ne sono andati insieme a tanti industriali e commercianti dell'abbigliamento, nonché a tutti i costruttori edili di un tempo.

Qualche ristorante in più e il famoso terziario legato ai computer e ai servizi alla persona non hanno certo compensato le perdite. Le perdite di aziende e insieme, e anche di più, di posti di lavoro per la manodopera meno specializzata, che è poi la maggioranza.

Oggi chi è sopravvissuto grazie all'ingegno, alla capacità di vendersi all'estero e di riconvertirsi, dice di vedere la luce in fondo al tunnel, una buia galleria dove sono rimasti i cadaveri della nostra Banca e delle nostre aziende maggiori (con poche eccezioni).

Ma chi non vede ancora il sole, pur non essendo morto, sono gli ex lavoratori e quei giovani che si affacciano al mondo del lavoro che non c'è; che continua a non esserci perché le aziende sopravvissute si guardano bene, e comprensibilmente, dal caricarsi sulle spalle dei lavoratori a tempo indeterminato.

Così si parla di ripresa in una città (e in un'Italia) che per le strade ha ancora una miriade di zombie e di precari senza la salvezza dei quali non si può ragionevolmente parlare di fine del tunnel.

Si parla di

La crisi ad Arezzo morde ancora. Non per tutti, ma per molti

ArezzoNotizie è in caricamento