Il ricorrente ritorno di Gualtiero Bassetti ad Arezzo in occasione della festa della Madonna del Conforto

Ogni anno l'ex vescovo aretino Gualtiero Bassetti torna in città almeno una volta, il 15 febbraio in occasione della festa aretina della Madonna del Conforto, una ricorrenza alla quale partecipano un numero impressionante di persone (qualcuno le...

Gualtiero Bassetti

Ogni anno l'ex vescovo aretino Gualtiero Bassetti torna in città almeno una volta, il 15 febbraio in occasione della festa aretina della Madonna del Conforto, una ricorrenza alla quale partecipano un numero impressionante di persone (qualcuno le chiama "fedeli", ma se di fede si tratta per molti si manifesta solo un giorno all'anno...) e durante la quale ogni volta gli aretini che lo incontrano lo salutano con calore e applausi sinceri. Lui, che oggi è cardinale e vice di Bagnasco alla CEI, nonché uno dei principali candidati alla sua successione, non cerca protagonismi e si limita a partecipare, ma la forza dei suoi sorrisi e l'affetto che mostra per Arezzo e la sua gente traspare dai suoi occhi vispi e intelligenti. Lui, che non dimentica le proprie umili origini marradesi, né di essere prima di tutto un parroco e un vescovo, è chiaramente uno dei favoriti di Papa Francesco e quindi uno dei principali rappresentanti della Chiesa attuale.

Come aretini siamo e saremo orgogliosi di essere in sintonia con lui, anche al di là del credo religioso.

Ricordo con piacere i molti colloqui avuti con Gualtiero Bassetti, sia ad Arezzo che a Perugia (dove oggi è arcivescovo), durante i quali abbiamo parlato per lo più delle sofferenze aretine, ma anche di castagne, di don Milani e di conigli in porchetta...

Bagnasco

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento