Gino Bartali - i ragazzi incontrano la sua figura

Ricevo e pubblico con grande piacere il comunicato che segue. Riguarda una persona di valore e la sua scoperta da parte di alcuni studenti dell'istituto comprensivo Cesalpino di Arezzo. Invito altri istituti scolastici a seguire l'esempio...

bartali

Ricevo e pubblico con grande piacere il comunicato che segue. Riguarda una persona di valore e la sua scoperta da parte di alcuni studenti dell'istituto comprensivo Cesalpino di Arezzo. Invito altri istituti scolastici a seguire l'esempio...

Gino Bartali, Campione sui pedali e nella vita:

lo sport come forma di solidarietà e mezzo di promozione umana

La Fondazione Gino Bartali, il Panathlon di Arezzo e l’Istituto comprensivo Cesalpino venerdì 29 gennaio dedicano una giornata, ideale prosecuzione della giornata della memoria celebrata il 27 gennaio, a Gino Bartali: campione di ciclismo, tra il 1943 e il 1944 contribuì all’espatrio di circa 800 ebrei nascondendo documenti falsi nel tubo della sua bicicletta. 185 km quasi ogni giorno tra Assisi e Firenze, segnati dalla riservatezza e dal coraggio: gli studenti delle classi 3C e 3E della scuola secondaria di 1°grado, ma più in generale l’intera comunità scolastica, avranno modo di conoscere, attraverso la testimonianza del figlio Andrea – presidente della fondazione – la storia di chi ha fatto dell’altruismo e della solidarietà uno stile di vita. L’incontro avverrà la mattina nell’aula magna dell’istituto mentre nel pomeriggio, nella sala comunale A. Ducci, l’evento continuerà con il saluto del sindaco e gli interventi di relatori quali il pedagogista M. Gori, il presidente del Panathlon P. Ferruzzi, il professor F. Addeo, docente di ed. fisica, il prof. G. Cerbai, delegato provinciale Coni-Arezzo e A. Bartali. La giornata si concluderà con una conviviale sulla memoria organizzata dal Lions club Host di Arezzo. Le professoresse R. Chiarini e A. Sinatti hanno dedicato il loro impegno ad un progetto che è un messaggio per gli studenti e azione concreta per una scuola attiva nel percorso che li rende cittadini consapevoli. Nel loro progetto sono state coadiuvate dai colleghi e dal dirigente scolastico dottoressa Rosella E. Misuraca.

D. Brighigni

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento