Dopo Siena e Allessandria diamo a Sottili quello che è di Sottili

L'Arezzo gioca bene fin da inizio campionato e gli errori dei singoli (fino a che si sono verificati) hanno  condizionato il cammino della squadra che altrimenti oggi sarebbe lì a giocarsela con l'Alessandria. A essere giusti dobbiamo dare atto...

Sottili

L'Arezzo gioca bene fin da inizio campionato e gli errori dei singoli (fino a che si sono verificati) hanno condizionato il cammino della squadra che altrimenti oggi sarebbe lì a giocarsela con l'Alessandria. A essere giusti dobbiamo dare atto all'allenatore amaranto Stefano Sottili che la sua qualità dal punto di vista tecnico tattico è altissima per la categoria. Certo, quando si parla di comunicazione il mister non è un campione, ma alla fine quel che conta è la sostanza e nell'Arezzo nato nuovo quest'anno di sostanza ce n'è tanta. Ricordo un altro mister passato da Arezzo che lo ricordava, anche se non ebbe il tempo per incidere più di tanto; si chiama Maurizio Sarri.

C'è ormai un gruppo coeso e cosciente dei propri pregi e limiti, che sa quel che serve per vincere; un gruppo dove ogni singola pedina conosce il proprio compito e aiuta i compagni in caso di bisogno. C'è anche qualità, ma va detto che le rose di Alessandria, Livorno e Cremonese (direi nell'ordine) fino a oggi sono state nettamente superiori a quella amaranto, che non disponeva certo di una panchina allo stesso livello. Le correzioni della campagna acquisti si sono già rivelate importanti pur in assenza di De Feudis e Yamga, mica di Gianni e Pinotto. Cenetti e Barison si sono comportati benissimo e hanno contribuito sostanziosamente ai successi di Siena e contro l'Alessandria.

Se a questo si aggiunge che domani arriverà un portiere che sostituirà Benassi (operato) e che a breve Sottili avrà a disposizione un difensore del valore di Ferrario, si può sognare in grande. Il secondo posto è ora a un solo punto, con la Cremonese che boccheggia e dovrà far visita allo stadio Città di Arezzo, così come il Livorno oggi a pari punti con gli uomini di Sottili...

Forza Arezzo, e attenzione al Tuttocuoio, che non va preso sotto gamba.

Le pagelle più significative:

Squadra - 7,5 a tutti, se non altro per abnegazione, impegno, concentrazione. L'Arezzo ha mancato due volte il facile raddoppio e concesso quasi niente all'attacco più forte del campionato.

Sottili - 8 l'allenatore amaranto sta raccogliendo il frutto del suo lavoro. Quasi nessuno lo riconosce pubblicamente solo perché non è un tipo da proclami o ruffianerie. E' ora che qualcuno lo dica, anzi lo scriva. L'Arezzo di oggi è forse la squadra più forte del girone. Non tanto per organico (che ora è comunque di primo livello) quanto per testa. Il nervosismo dei giocatori dell'Alessandria (durante la partita) e di Mister Braglia (a fine incontro) la dice lunga...

Società - 7,5 in questa campagna acquisti di gennaio ha assecondato le richieste del tecnico e ora l'Arezzo se la può giocare contro tutte le avversarie ad armi almeno pari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pubblico - 8 Ha fatto il possibile ed ha certamente aiutato gli amaranto a raggiungere il risultato positivo, come sempre.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento