Appunti

Appunti

Cosa è il “Giorno della Memoria”

La Repubblica italiana riconosce il 27 gennaio, data in cui i soldati dell'Armata Rossa varcarono i cancelli del campo i cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”

La Repubblica italiana riconosce il 27 gennaio, data in cui i soldati dell'Armata Rossa varcarono i cancelli del campo i cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah, le leggi raziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” così recita la legge 211 del 2000.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tale data ricorda le violenze e le discriminazioni a cui furono sottoposti gli ebrei a partire dalla fine degli anni Trenta del Novecento. Questa la testimonianza di Liliana Segre in Un’infanzia perduta, in Voci dalla Shoah testimonianze per non dimenticare, La Nuova Italia Editrice 1996, p. 57, “Imparai in fretta che cosa voleva dire Lager. Voleva dire morte-fame-freddo-botte-punizioni; voleva dire schiavitù, voleva dire umiliazioni-torture-esperimenti”.

Appunti

Laurea in lettere e scienze politiche indirizzo relazioni internazionali, master in leadership e management nella pubblica amministrazione, dottore di ricerca in Teoria e tecnica della modernizzazione in età contemporanea. Collabora con riviste di storia ed e' autrice di numerosi volumi. Si occupa di ricerca e cultura.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento