Salute

Vaccino Johnson & Johnson: ad Arezzo arrivano le prime dosi. Aperte le prenotazioni

Arrivata la prima fornitura per la Asl Toscana sud est che ha visto la consegna di 2.500 dosi. Domenica 25 aprile giornata vaccinale dedicata al nuovo vaccino statunitense 

È arrivata ieri all'ospedale Misericordia di Grosseto la prima fornitura di vaccini della casa farmaceutica Johnson & Johnson, la quarta tipologia di siero anti-Covid che sarà somministrato anche nella Asl Toscana sud est e, al momento, l'unico monodose. Sono 2.500 le prime fiale consegnate che dal Misericordia di Grosseto saranno distribuite nelle altre province della Sud est: 1.000 ad Arezzo, 750 a Grosseto, 750 a Siena. 

Come indicato dall'agenzia italiana per il farmaco, il siero è raccomandato per gli ultrasessantenni. Nel territorio della sud est viene sottolineato come le inoculazioni partiranno dalle persone in fascia di età 70-79 anni, sulla base della programmazione vaccinale già in corso. La caratteristica che distingue Johnson & Jonhson dagli altri è la possibilità di concludere l'iter vaccinale con una sola iniezione. Come AstraZeneca, il farmaco statunitense si basa sul sistema del dna non replicante che determina la produzione della glicoproteina spike sars-cov-2, che a sua volta stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi. Per ogni fiala di vaccino è prevista la somministrazione di 5 dosi. Inoltre, una volta rimosso dal congelatore, si conserva a una temperatura di 2-8° per tre mesi. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, come spiegano dall'azienda sanitaria sud esti "sono risultati generalmente lievi o moderati e risolvibili entro un paio di giorni dalla vaccinazione. I più comuni: dolore al sito di iniezione, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari e nausea".

“L'arrivo del Johnson & Johnson ci consente un ulteriore passo in avanti nella campagna vaccinale, dando sempre più concretezza alla fase della vaccinazione diffusa – commenta il direttore generale della Asl Toscana sud est, Antonio D'Urso - In questi giorni si sta concludendo la copertura degli over80 e stiamo procedendo in maniera proattiva e sistematica nella vaccinazione delle persone estremamente fragili, secondo le priorità dettate a livello nazionale e regionale e in base alla quantità di dosi a disposizione”.

Nel weekend, tra il 24 ed il 25 aprile, saranno effettuate 3.138 vaccinazioni, escluse quelle ospedaliere, di cui 1.264 ad Arezzo, 882 a Siena e  992 a Grosseto. Per quanto riguarda la vaccinazione Johnson & Johnson è prevista solo nella giornata di domenica 25 aprile ed è riservata agli ultra 70enni (che si prenoteranno sul portale regionale a partire dal pomeriggio di oggi venerdì 23 aprile).

Questi i centri coinvolti nella campagna vaccinale: Arezzo centro affari (800), Cortona palestra scuola Berrettini (100), Loro Ciuffenna auditorium (100), Siena palasport Mensana (750), Grosseto caserma Savoia (750)  

Contemporaneamente prosegue la campagna vaccinale per gli estremamente fragili con vaccino Pfizer, nei giorni 24 e 25 aprile, con altre 638 persone chiamate: 264 ad Arezzo, 132 a Siena, 242 a Grosseto.

Come prenotare il siero Johnson & Johnson

Le persone con più di 70 anni, nate tra il 1941 e il 1951, che non hanno ancora compiuto 80 anni e che non si sono ancora vaccinate, possono prenotare il vaccino monodose Johnson & Johnson a partire dalle ore 16 di oggi, venerdì 23 aprile, sul portale regionale. Le agende rimarranno aperte fino a esaurimento dei posti disponibili.

Di questa prima nuova fornitura di vaccino anti Convid della Johnson & Johnson sono disponibili 11mila dosi in tutto, arrivate in Toscana nella giornata di ieri e già consegnate alla Asl centro (4.850), alla Nord Ovest (3.650) e alla Sud Est (2.500), per essere somministrate nei giorni di domenica 25 e lunedì 26 aprile negli hub prescelti.

“Dal prossimo maggio ci organizzeremo diversamente. Stiamo già lavorando a una nuova modalità di prenotazione del vaccino, programmabile mensilmente senza click day. Questo di oggi è l’ultimo - assicura il presidente Eugenio Giani -. Con le nuove forniture di vaccino, che dovrebbero arrivare in Toscana dalla prossima settimana, ci auguriamo di accelerare la vaccinazione delle persone a elevata fragilità e degli over 70, che fanno parte delle categorie prioritarie per età e patologia. Sugli over 80 abbiamo recuperato come da obiettivo, che ci siamo dati. Entro il 25 aprile contiamo di raggiungere la più elevata copertura vaccinale dei nostri anziani con la somministrazione delle prime dosi. E per arrivare a questo risultato abbiamo attivato tutti i canali possibili grazie alla straordinaria collaborazione dei medici di medicina generale, e all'impegno quotidiano delle  donne e degli  uomini del nostro servizio sanitario, della protezione civile e del volontariato. A ciascuno di loro va il mio più profondo ringraziamento”.

Per quanto riguarda le persone con più di 80 anni - che non hanno ancora un appuntamento per la vaccinazione, concordato con il proprio medico di famiglia o prenotato nei giorni scorsi tramite il portale online regionale o il numero verde 800117744 - è stata data anche la possibilità di accedere direttamente, senza prenotazione, negli hub gestiti dalle Asl nei territori di loro competenza, fino a domenica 25 aprile. E’ richiesta, lo ricordiamo, la tessera sanitaria. Per conoscere l’elenco degli hub è possibile telefonare al numero verde 800117744.

Allo ore 13:30 di oggi, 23 aprile, gli over 80, che hanno ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer, sono 281.806, mentre sono 137.441 coloro a cui è stato inoculato anche il richiamo, come riportato sul portale https://vaccinazioni.sanita.toscana.it/, aggiornato in tempo reale. Attualmente in Toscana vivono poco più di 300mila ultraottantenni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino Johnson & Johnson: ad Arezzo arrivano le prime dosi. Aperte le prenotazioni

ArezzoNotizie è in caricamento