Mercoledì, 16 Giugno 2021
Salute

Toscana terza regione d'Italia per uso di anticorpi monoclonali nella cura del Covid

E’ quanto emerge dal monitoraggio settimanale effettuato da Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Attualmente i pazienti Covid trattati con il farmaco monoclonale sono 619

La Toscana è la terza Regione italiana per utilizzo degli anticorpi monoclonali nella cura dei pazienti Covid. E’ quanto emerge dal monitoraggio settimanale effettuato da Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Attualmente i pazienti Covid trattati con il farmaco monoclonale sono 619. Le prime 1.080 fiale di anticorpi monoclonali sono arrivate in Toscana tra il 22 e il 23 marzo scorso. L’approvvigionamento avviene ora a cadenza bisettimanale con quantità più che sufficienti. Questo tipo di farmaco è progettato per legarsi alla proteina spike di Sars-Cov-2, in modo da impedire al virus di penetrare nelle cellule dell'organismo. Può essere utilizzato solo in ospedale e su pazienti lievi o paucisintomatici.

“Questi risultati sono frutto di un importante lavoro di squadra - commenta il presidente della Toscana, Eugenio Giani -. I professionisti di tutte le nostre Aziende sanitarie e ospedaliero universitarie sono impegnati in prima linea nella cura  e  assistenza dei pazienti Covid. La possibilità di utilizzare questi farmaci ci lascia ben sperare. Anche la nostra Regione è fortemente impegnata nello sviluppo degli anticorpi monoclonali con Toscana Life Sciences e con il gruppo di giovani ricercatori, guidati dallo scienziato Rino Rappuoli. Quando sarà finita la fase di sperimentazione, anche noi saremo in grado di produrlo e di utilizzarlo. Spero, al più tardi, entro l’Estate. La cura della malattia al suo esordio può contribuire a salvare molte vite umane e a contenere la diffusione del virus. Gli anticorpi monoclonali sono la prima vera medicina contro il Covid”.

“Il fatto che la Toscana sia tra le prime in Italia per utilizzo degli anticorpi monoclonali dimostra quanto funzioni l’integrazione tra la rete territoriale, dove le usca o i medici di medicina generale intercettano il paziente Covid, e gli ospedali dove il paziente viene indirizzato per la somministrazione del farmaco - afferma l’assessore alla sanità, Simone Bezzini -. L’utilizzo di questa terapia funziona se esiste uno stretto collegamento tra ospedale e territorio, in quanto nella maggior parte dei casi si tratta di pazienti situati presso il proprio domicilio. Questo è frutto di uno straordinario lavoro di squadra tra professionisti del nostro sistema sanitario”.

La maggior parte di questi pazienti si trova in isolamento domiciliare. Sono, quindi, le squadre usca (unità speciali di continuità assistenziale) e i medici di medicina generale a intercettare i pazienti per il trattamento. Tramite apposita scheda di pre-arruolamento, predisposta dalla Regione Toscana sulla base delle indicazioni Aifa, i pazienti vengono individuati e indirizzati ai centri specialistici più vicini per il trattamento. A oggi sono stati individuati 33 centri prescrittori specialistici distribuiti su tutto il territorio regionale e la quantità di farmaco destinato all’Italia è più che soddisfacente per coprire i fabbisogni di tutte le Regioni. 

 “La Toscana ha chiesto ad Aifa un ampliamento dei criteri di eleggibilità dei pazienti candidati al trattamento con anticorpi monoclonali, in modo da utilizzare questo farmaco in un numero più elevato di assistiti. Questa richiesta è al vaglio della commissione tecnico scientifica di Aifa”, conclude Francesco Attanasio delle Politiche del Farmaco della Regione Toscana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana terza regione d'Italia per uso di anticorpi monoclonali nella cura del Covid

ArezzoNotizie è in caricamento