I rischi della sedentarietà e i consigli per sconfiggerla

La sedentarietà è una delle condizioni più gravi e nel contempo prevenibili dei nostri tempi. Ecco i rischi derivanti dalla mancanza di movimento e i consigli per arginare il problema

E' arrivata l'estate. Il sole, la voglia di andare al mare, alle terme o comunque stare all'aperto è sempre più forte. C'è però anche di fare i conti con la prova costume e soprattutto lo stile di vita, i ritmi di lavoro... quali possono essere i rischi di uno stile di vita sedentario? Spesso infatti gli impegni ci portano a pranzare velocemente senza poter guardare alle calorie, a rinunciare poi ad un po' di moto per gli impegni domestici e non solo.

L’eccessiva sedentarietà può portare problematiche di varia natura, andando a compromettere il nostro benessere psico-fisico e favorendo l’insorgere di disturbi metabolici (diabete, ipertensione, colesterolo) e malattie cardiovascolari. 
Un metabolismo più lento, l’aumento di peso e l'obesità sono conseguenze frequenti della sedentarietà. Muoversi poco inoltre agevola l'insorgenza di problemi articolari e ossei, come artrite e osteoporosi. 

Secondo un recente studio australiano, pubblicato su Diabetes Care, interrompere la prolungata sedentarietà, tipica di chi lavora negli uffici, con attività anche leggere, come una piccola passeggiata per andare a trovare il vicino di scrivania, aiuterebbe a tenere sotto controllo i valori della glicemia e migliorare quindi la risposta metabolica dopo il pranzo. Secondo questa ricerca bastano 3 minuti di attività ogni circa 30 di scrivania per migliorare notevolmente il nostro benessere.

Chi conduce una vita molto sedentaria dovrebbe fare inoltre attenzione all’alimentazione: consumare frutta e verdura fresca, ricordarsi di bere spesso e preferire i carboidrati integrali, limitando il consumo di cereali bianchi e dolci. Anche la regolarità dei pasti è un aspetto da non sottovalutare: l’ideale è consumare 5 pasti, 3 principali, che non vanno mai saltati, e due spuntini.

È bene ricordare che l'attività fisica costante non solo previene il diabete, ma riduce i trigliceridi, fa aumentare il colesterolo buono riducendo nel complesso l'infiammazione dei tessuti, e risolleva l’umore. Quindi muoviti più che puoi! Certamente sarà necessario procedere in modo graduale, per non affaticare in modo eccessivo il nostro corpo non abituato al movimento, cercando di dedicare una parte del proprio tempo libero ad un po’ di attività sportiva, meglio se all’aria aperta.

L’ideale sarebbe scegliere lo sport più affine alla propria indole ed ai propri interessi; e comunque, una bella passeggiata può diventare anche un ottima occasione per migliorare la vita sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma della strada: perde la vita in un terribile schianto alle porte di Arezzo

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Muore a 24 anni nello schianto tra Monte San Savino e Arezzo

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento