rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Salute Pescaiola / Via Pietro Nenni

I quartieristi di Porta Crucifera rinnovano l’impegno per la donazione di sangue

"Un esempio per tutti perché di sangue c’è sempre bisogno", fanno sapere dalla Asl Toscana sud est

Da oggi e fino al 22 dicembre faranno visita al centro trasfusionale dell'ospedale San Donato di Arezzo. Sono i donatori di sangue del quartiere di Porta Crucifera a rinnovare l'impegno in favore della comunità locale. “Il nostro quartiere è orgoglioso di riproporre un impegno ormai radicato da anni, che non si manifesta solo a Natale – spiegano da Crucifera – Siamo parte integrante della comunità aretina ed è importante dare esempio di spirito di squadra anche in iniziative di questo tipo che portano benefici in termini di solidarietà”.

"Si tratta di un’iniziativa particolarmente affine all’idea del “donare agli altri” tradizionalmente collegata al Natale - spiega Antonio Guida, presidente dell’Avis Comunale di Arezzo - La donazione di sangue o plasma ha un valore particolare perché contribuisce a salvare vite attraverso un gesto semplice, che non costa nulla e che richiede pochi minuti, oltre a essere anche un’occasione per fare un regalo a sé stessi perché permette di tenere sotto controllo i propri valori e il proprio benessere. Ringraziamo il quartiere di Porta Crucifera per questa rinnovata mobilitazione natalizia e per l’impegno nella sensibilizzazione verso la donazione di sangue, andando ad arricchire un 2023 che per la nostra associazione è stato particolarmente positivo con una crescita soprattutto nella fascia d’età Under25".

“Ringrazio nuovamente Porta Crucifera per la lodevole iniziativa e colgo l'occasione per rilanciare l'appello alla donazione - dichiara il direttore del centro trasfusionale di Arezzo Pietro Pantone - Il 2023 è stato un anno positivo, su Arezzo nello specifico si parla di 500 donazioni in più circa rispetto al 2022. Invito chi ancora fosse titubante a recarsi presso le nostre strutture per un colloquio con i medici trasfusionisti. Chiunque, in età compresa tra 18 e 60 anni, può iniziare l’attività di donazione prenotando la prima visita sia attraverso le associazioni di volontariato sia direttamente ai centri. Per tutto il periodo di attività (fino al compimento dei 70 anni) lo stato di salute dei donatori viene costantemente tenuto sotto controllo attraverso esami periodici".

Come donare il sangue: tutto quello che serve sapere

Centro emotrasfusionale - Ospedale San Donato

Dipartimento Medicina di Laboratorio e Trasfusionale
Direttore: dott. Agostino Ognibene
Area Dipartimentale Medicina Trasfusionale
Responsabile: dott. Pietro Pantone

Uoc Immunoematologia e Medicina Trasfusionale
Direttore: dott. Pietro Pantone

Infermiere Coordinatore
Paola Pierazzuoli
telefono 0575 255288

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I quartieristi di Porta Crucifera rinnovano l’impegno per la donazione di sangue

ArezzoNotizie è in caricamento