rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Salute

Come pulire bene le orecchie

Perchè si forma il cerume e perchè pensiamo (quasi erroneamente) che si tratti di sporcizia

Pulire le orecchie è una prassi che dovrebbe essere svolta se non quotidianamente almeno senza fretta utilizzando cotton fioc idonei e soprattutto prestando attenzione. L'orecchio è un organo particolarmente sensibile e delicato, ecco spiegato allora i possibili danni causati da manovre inappropriate. Ma perchè si forma il cerume e perchè dobbiamo pulire come si deve le orecchie?

Partiamo da un presupposto: il cerume non è sinonimo di sporcizia. Questa sostanza cerosa, infatti, ha il compito di lubrificare il condotto uditivo, proteggendo l’orecchio esterno, oltre alle strutture interne dell’orecchio, dall’accumulo di sporco e batteri. Il cerume viene prodotto da alcune ghiandole e poi spinto verso il padiglione auricolare. In poche parole si tratta di un processo di auto-pulizia.

Tuttavia in alcuni casi una notevole quantità di cerume se non espulsa può causare un tappo e la perdita non solo parziale dell'udito. Anche perchè il cerume tende a trattenere l'acqua e questo spiega la fastidiosa sensazione che possiamo provare dopo un bagno. Occorre quindi pulire regolarmente il padiglione.

Già perchè la parte più esterna è quella che dovremmo curare maggiormente e con la masisma delicatezza. Attenzione ad esempio quando puliamo le orecchie dei nostri figli perchè il rischio di danneggiare l'organo è alto soprattutto con movimenti bruschi.

L'ideale è detergere i padiglioni auricolari con acqua tiepida e sapone, facendo attenzione a non accumulare acqua nel condotto uditivo e a rimuovere con cura le tracce di detergente. Quindi asciugate bene l’orecchio utilizzando un asciugamano pulito prima di procedere con il cotton fioc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come pulire bene le orecchie

ArezzoNotizie è in caricamento