Salute

“Qui una ‘scuola’ di oculistica”: riconoscimento dell’Unione ciechi e dell’Agenzia per la prevenzione della cecità

Domani la Giornata mondiale della cecità

“La prevenzione è l’elemento fondamentale – ha ricordato stamani Franco Pagliucoli, presidente dell’Unione italiani ciechi presentando quella di domani che sarà la Giornata mondiale della vista. In questi anni abbiamo sensibilizzato le persone su questo tema e abbiamo ottenuto risultati importanti. Le patologie più diffuse possono adesso essere chiuse in un “recinto” e tenute sotto controllo. Questo è possibile grazie al lavoro dei professionisti della Asl che hanno creato un gruppo e una scuola capace di dare le risposte necessarie”.

Questo riconoscimento è stato fatto proprio anche da Gianlorenzo Casini, presidente dell’IAPB, l’Agenzia per la prevenzione della cecità: “prevenzione e controlli sono indispensabili: si comincia a perdere la vista e ci si rivolge allo specialista quando rischia di essere ormai tardi. L’oculistica di Arezzo offre risposte importanti”.

Le ha ricordate Andrea Romani, direttore di oculistica: “250mila prestazioni annue tra ospedali e territorio. Altre 30mila ai pronto soccorso. Sono quelle di oculistica erogate dalla Asl Tse. In tutti i presidi ospedalieri viene svolta attività chirurgica di base, mentre nei due presidi provinciali di Arezzo e Grosseto è garantita la chirurgia complessa di alta specializzazione e la diagnostica di terzo e quarto livello”

La prevenzione va raccomandata ma soprattutto praticata “In questi anni la nostra attività è considerevolmente aumentata – ha sottolineato Romani. E non mi riferisco solo alla quantità delle prestazioni ma soprattutto alle professionalità che si sono formate in oculistica. Una vera “scuola” che ha consentito di dare ai pazienti risposte di qualità sempre migliore”.

Ecco alcuni dettagli: "11.000 interventi di cataratta, 400 di glaucoma, 700 di chirurgia vitreo retinica, 3.500 trattamenti per la maculopatia, 50 trapianti di cornea, 400 interventi di chirurgia refrattiva annuali per la correzione dei difetti visivi, miopia, ipermetropia e astigmatismo, 60 interventi di cross linking per la cura del cheratocono, oltre a numerosi interventi di oftalmoplastica e chirurgia delle vie lacrimali. Abbiamo un'efficace rete di oftalmologia pediatrica diretta da Michele Simone per la prevenzione e la cura dei difetti visivi e della motilita oculare. Nel territori vengono eseguite oltre 250.000 visite oculistiche".

Questi dati consentono a Romani di affermare che l'Asl Tse ha "un'ottima organizzazione territoriale e ospedaliera che assicura ai cittadini delle tre province un efficace punto di riferimento per la prevenzione e la cura delle patologie oculari". Dati, infine, che rendono quella della Toscana meridionale "l'Asl che ha eseguito il maggior numero di prestazioni diagnostiche e chirurgiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Qui una ‘scuola’ di oculistica”: riconoscimento dell’Unione ciechi e dell’Agenzia per la prevenzione della cecità

ArezzoNotizie è in caricamento