Salute Pescaiola

Neurologi al lavoro nell'area Covid, reparto riadattato. Preoccupano i minori accessi al pronto soccorso

La Asl fa sapere che sono garantite tutte le prestazioni ai pazienti neurologici nonostante l'impegno nella squadra di medici che si prendono cura dei degenti colpiti dal virus

L'ospedale San Donato di Arezzo visto dall'alto

Un intero ospedale mobilitato contro il Covid. E' quello del San Donato che anche in queste ore ha 129 pazienti ricoverati tra la Degenza e la terapia intensiva. Proprio nell'Area Covid del nosocomio aretino hanno fatto convergenza nel corso della pandemia anche gli specialisti della Neurologia diretta da Giovanni Linoli. E' l'unità operativa che ha messo a disposizione il numero più elevato di specialsti.

linoli-neurologia "Sono andati a rafforzare la risposta nella degenza Covid - spiega Linoli - Attualmente sono 3 i neurologi (ma fino al 31 gennaio erano 4), che  affiancano infettivologi e pneumologi nel dare assistenza ai pazienti ricoverati in Area Covid. Un contribuito necessario, soprattutto nei periodi di massimo affollamento, come quello attuale. Lo abbiamo fatto con convinzione, riorganizzando e ridistribuendo il lavoro nel reparto, affinché nessuno dei nostri pazienti rimanesse indietro o non ricevesse adeguata assistenza. E' comprensibile e naturale che da oltre un anno l'attenzione di tutti sia concentrata sull'emergenza Covid; ma questo, purtroppo, non vuol dire che altre patologie siano ridotte di incidenza o meno importanti".

Come è cambiata l'organizzazione della Neurologia con il Covid?

La risposta del San Donato al Covid ha reso necessari alcuni sacrifici. "Noi abbiamo ridotto i posti letto, che da 20 sono passati a 8 ed oggi la Neurologia opera in un'area multispecialistica del San Donato, condivisa con Ematologia, Gastroenterologia e Nefrologia.  Si è quindi ridotto il numero dei ricoveri: da 885 nel 2019 a 679 nel 2020; così come quello delle prestazioni ambulatoriali (visite ed esami strumentali neurofisiologici),  ridotte nel 2020 di circa il 25% rispetto al 2019. Alla riduzione numerica non ha tuttavia corrisposto una riduzione della qualità delle risposte. Alcuni tempi di attesa possono essere allungati, ma abbiamo sempre garantito la continuità assistenziale, dando risposta ai pazienti, sia in ospedale che a distanza, anche con modalità innovative, come la televisita".

Particolare attenzione va sempre riservata all'ictus-ischemico

Sono state sempre garantite le terapie tempo-dipendenti per l'ictus ischemico.

"Si tratta di terapie - spiega Linoli – da attuare entro un definito intervallo di tempo dall'esordio dei sintomi; il numero di trattamenti eseguiti nel 2020 è diminuito rispetto agli anni precedenti in relazione al calo dei pazienti, ma i tempi sono stati sempre rispettati".

Covid e lockdown hanno ridotto la domanda. Gli accessi al pronto soccorso

"Un esempio è dato dagli accessi al pronto soccorso per ischemia cerebrale - ricorda Linoli – che nel 2020 sono diminuiti rispetto al 2019. Di certo, le patologie di cui ci occupiamo non si sono ridotte di incidenza. La mia convinzione è che la paura più grande sia stata, e resti, quella di essere contagiati dal virus. Prima dell'emergenza, chi aveva sintomi neurologici, anche lievi, suggestivi di un ictus, si rivolgeva al pronto soccorso. Qualcuno ricorderà le discussioni sugli accessi impropri che, in passato, hanno intasato il pronto soccorso. Da oltre un anno, chi può, evita l'ospedale, nonostante l'organizzazione di percorsi separati e l'assoluta sicurezza con la quale vengono erogate le prestazioni. L'interesse primario è non contrarre l'infezione, il resto passa in secondo piano. E' un comportamento emotivo che non aiuta le persone a difendere la loro salute".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neurologi al lavoro nell'area Covid, reparto riadattato. Preoccupano i minori accessi al pronto soccorso

ArezzoNotizie è in caricamento