rotate-mobile
Salute

Funghi: come chiedere una consulenza all'Ispettorato Micologico di Arezzo

Giorni, orari e modalità di accesso presso gli uffici competenti della Asl Toscana sud est

Funghi che passione ma, attenzione a quello che si porta in tavola. La raccomandazione, soprattutto in questo periodo dell'anno dove tanti appassionati si avventurano nei boschi alla ricerca dei pregiati prodotto l'autunno, è proprio questa. A tale proposito occorre ricordare l'esistenza dell'Ispettorato Micologico dell'Azienda USL Toscana sud est, realtà che tutela la salute pubblica offrendo consigli, esami e consulenze.

L’Ispettorato micologico svolge le seguenti funzioni:

  • Consulenza gratuita ai cercatori di funghi per autoconsumo allo Sportello Micologico
  • Tenuta dei corsi preparatori al conseguimento dell’attestato d’idoneità alla identificazione delle specie fungine per gli addetti alla vendita e somministrazione di funghi, attraverso enti formativi esterni all’azienda
  • Svolgimento degli esami per il rilascio degli attestati d’idoneità alla identificazione delle specie fungine
  • Vigilanza sulla produzione, commercializzazione e somministrazione di funghi spontanei, freschi, coltivati, essiccati e comunque preparati
  • Consulenza micologica nei casi di avvelenamento da funghi presso le Strutture Sanitarie Ospedaliere
  • Collaborazione con Scuole, Comuni, Province, Comunità Montane, Gruppi Micologici e altre strutture formative per lo svolgimento di corsi inerenti la micologica.

I tecnici della prevenzione suggeriranno anche le modalità di cottura e altre tecniche per gustare in sicurezza un piatto a base di questi prelibati “frutti” spontanei. Al termine della visita verrà rilasciato un documento sul quale sono riportate le informazioni utili all’utente circa il nome scientifico e la commestibilità dei funghi controllati.

Al momento del controllo i funghi devono essere presentati possibilmente in contenitori rigidi e forati (come i cestini) e devono presentarsi:

  • interi (non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, non raschiati o comunque privi di parti essenziali, fondamentali al loro riconoscimento);
  • puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei;
  • in buono stato di conservazione, possibilmente mantenendo i funghi al fresco fino al controllo;
  • tutti i funghi raccolti o regalati, senza lasciarne una parte a casa.

I funghi che al controllo del micologo non rispetteranno le condizioni sopra indicate e quelli che risulteranno appartenere a specie non commestibili o tossiche-velenose, normalmente non saranno riconsegnati e verranno distrutti.

L'accesso agli Sportelli Micologici è gratuito, dal 6 novembre si può accedere presso le sedi. Qui giorni e orari dello sportello micologico di Arezzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funghi: come chiedere una consulenza all'Ispettorato Micologico di Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento