Grasso delle professioni infermieristiche: "Rispetto dei ruoli e basta polemiche, dobbiamo battere il virus insieme"

Per il rappresentante delle professioni infermieristiche sono fondamentali competenze e ruoli

Giovanni Grasso, presidente dell'ordine delle professioni infermieristiche

“In un momento come questo abbiamo bisogno di tutto, fuorché di polemiche. Nel rispetto dei reciproci ruoli, politica e medicina devono lavorare insieme per raggiungere il risultato che tutti vogliamo, sconfiggere la pandemia e garantire la salute dei cittadini”.

Il presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche Giovanni Grasso, dopo lo scambio di opinioni tra il sindaco Ghinelli e il direttore generale della Asl Toscana Sud Est Antonio D'Urso, rivolge un appello ad abbassare i toni condividendo con il Dg il fatto che la battaglia contro il Covid sia di tutti.

“Chi ha competenze e ruoli in materia sanitaria ha i propri compiti da svolgere e non può essere sostituito, pur con tutta la buona volontà e le migliori intenzioni del mondo, da chi queste competenze non le ha – afferma Grasso. Ritengo quindi che sia giusto che la disponibilità dei 40 dipendenti comunali di Arezzo sia importantissima e molto significativa, ma che debba essere integrata con la struttura esistente nella quale lavorano professionisti sanitari, tra i quali anche infermieri, con compiti sussidiari a sostegno di altre esigenze dei cittadini non attinenti alla sfera sanitaria, creando così un doppio binario di assistenza ancora più funzionale per persone che, spesso, si sentono hanno bisogno di ogni supporto nel vivere la propria condizione di isolamento. Per quanto riguarda l'organizzazione ospedaliera mi ero già espresso dicendo che gli ospedali devono essere presidi di servizi e non bandierine, e questo vale anche per quelli da campo. Il problema emergenziale non è quello delle strutture, ma quello dei professionisti che le facciano funzionare e che, nonostante gli sforzi fatti per implementarne il numero, sono tuttora insufficienti e non esistono, purtroppo, riserve alle quali attingere senza che questo crei nuove emergenze nelle strutture dalle quali questi professionisti vengono sottratti, come ad esempio gli infermieri delle Rsa. Invito quindi Ghinelli e D'Urso a sedersi a un tavolo, assieme ai rappresentanti degli ordini e delle professioni sanitarie, ed a ragionare sugli scenari attuali e futuri e sulle soluzioni migliori da mettere in atto, come ripeto ognuno nel proprio ruolo e con le proprie competenze”, conclude il Presidente dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche Giovanni Grasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento