Coronavirus: in Toscana ricette elettroniche via sms anche dagli specialisti ospedalieri

Il cittadino, una volta ottenuto sul suo cellulare il codice NRE della Nuova ricetta elettronica, potrà recarsi in farmacia munito della tessera sanitaria

La Regione Toscana, dopo averle attivate presso i medici e i pediatri di famiglia, ha esteso anche ai medici specialisti la possibilità di inviare ai pazienti le ricette via SMS, senza che questi si muovano da casa.

“E’ una iniziativa – ricorda l'assessore regionale al diritto alla salute, Stefania Saccardi - che abbiamo già attivato, primi in Italia, per tutti i medici di medicina generale e per i pediatri di famiglia. E sono già oltre 304.000 le ricette che ad oggi sono state spedite via SMS. Anche su segnalazione di alcuni utenti, impossibilitati a muoversi, in seguito al Decreto #ioRestoaCasa ed ai recenti aggiornamenti ulteriormente restrittivi, abbiam o verificato la possibilità tecnica di attivare un'analoga iniziativa per chi si rivolge agli specialisti, ed a tempo di record abbiamo reso disponibile questa funzione”.

L'obiettivo è quello di limitare al massimo gli spostamenti della popolazione, ma di agevolare anche coloro che hanno la necessità di mantenere il contatto con il proprio specialista e quindi di aggiornare le eventuali terapie in atto. Si tratta di un servizio di cui possono usufruire tutti i pazienti toscani.

Secondo i dati in possesso di Andrea Belardinelli, responsabile del settore Sanità digitale e innovazione, sono oltre 5.000 gli specialisti ospedalieri che in tutta la Toscana possono prescrivere abitualmente ricette dematerializzate su un unico software regionale denominato Sire3. A questo applicativo è stata aggiunta la possibilità di memorizzare il numero di cellulare del paziente e di far partire in automatico un SMS con la prescrizione.

Il cittadino, una volta ottenuto sul suo cellulare il codice NRE della Nuova ricetta elettronica, potrà recarsi in farmacia munito della tessera sanitaria. Lì verrà stampato il promemoria, necessario tanto per l’erogazione dei farmaci, quanto per l’assolvimento degli adempimenti amministrativi come l'apposizione delle fustelle.

“Approfitto per ricordare – continua l'assessore Stefania Saccardi – che la ricetta elettronica l'abbiamo resa disponibile fin dal giugno 2019, in modalità alternativa al promemoria cartaceo, anche all’interno del Fascicolo sanitario elettronico, come pure tutti i referti, i materiali relativi ai ricoveri, alle esenzioni, alle vaccinazioni, ecc.. Si tratta di una ulteriore modalità elettronica accessibile a tutti, per fruire di servizi san itari digitali, senza muoversi da casa, utilizzando la App Smart SST per tablet e smartphone, oppure collegandosi all’indirizzo https://fascicolosanitario.regione.toscana.it".

Al momento il servizio sms è riservato alla prescrizione di una grande maggioranza di farmaci. Tuttavia, a partire da dopodomani, 2 aprile, il servizio SMS verrà esteso anche ai farmaci in distribuzione per conto (la cosiddetta DPC- ad esempio le eparine), ed anche per i farmaci che richiedono un piano terapeutico e alle bombole di ossigeno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento