Coronavirus: ospedali aretini, pediatri e medici di famiglia già informati. I sintomi e la prevenzione

L'Asl Sud Est ha diffuso in tutte le strutture sanitarie coinvolte la circolare del Ministero sul coronavirus che sta contagiando centinaia di persone in Cina, mettendo in atto una procedura di attenzione frutto dell'esperienza con la Sars

Aziende sanitarie, ministeri, ordini professionali di medici ed infermieri, enti locali: il Ministero della Salute ha inviato a tutti una nota che definisce il rischio medio e dà direttive per l’identificazione di un caso sospetto di infezione da coronavirus.

La rete sanitaria informata

La Asl Toscana sud est ha già inoltrato la puntuale comunicazione a tutti gli ospedali aretini, dove particolare importanza ricoprono, in questi casi, i reparti di malattie infettive, i laboratori e i pronto soccorso. Le informative sono state spedite anche agli ambulatori per viaggiatori, a tutti i medici di famiglia e pediatri affinché siano pronti, in ogni caso, a riconoscere la sintomatologia della polmonite da coronavirus su persone che provengono dalla Cina e che presentino difficoltà respiratorie, tosse secca, febbre. Tutte le strutture sono anche pronte alla sorveglianza su eventuali “contatti” segnalati dal Ministero.

Alti livelli d'attenzione, come per la Sars

“Non vi è alcun elemento, per adesso, che possa far presagire una pandemia – afferma il Direttore del Dipartimento di Prevenzione della Sud Est Maurizio Spagnesi -  Ma l’esperienza fatta con la Sars ci ha dimostrato che tenendo alti i livelli di attenzione, i virus si possono ben contenere. Fondamentali sono sempre le norme di prevenzione igienico sanitaria  (come coprirsi la bocca quando si tossisce e lavarsi spesso le mani), che sono doppiamente utili in questa fase di picco influenzale e che rimangono la forma più semplice e migliore di tutela per la salute individuale e pubblica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Toscana resta in zona arancione. Due province e un comune entrano in lockdown

  • Incidente a Olmo, muore dipendente Ascom. L'associazione: "Non ci sono parole per descrivere il dolore"

  • Chiudono tutte le scuole del comune di Arezzo fino a metà marzo. Si salvano asili nido e materne

  • Coronavirus, Arezzo terza in Italia per la crescita di contagi. In una settimana aumento di oltre l'80 per cento

  • Tragedia a Ripa di Olmo, Arezzo piange Laura Berneschi. Aperta un'inchiesta per omicidio stradale

  • Coronavirus, balzo dei contagi nell'Aretino: +131. I casi più numerosi tra i ragazzi di età scolare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento