Attenti a quei due: la campagna di informazione su ictus e fibrillazione atriale arriva ad Arezzo

Il 30 e il 31 marzo e il 1 aprile medici specialisti a disposizione per video consulti gratuiti

medi

Attenti a quei due è la nuova campagna di sensibilizzazione su ictus e fibrillazione atriale lanciata da Alice Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) arriva ad Arezzo. Un legame da non sottovalutare, quello tra cuore e cervello, specialmente in tempi di Covid-19. Gli effetti infiammatori del Coronavirus sembrano infatti attaccare anche la funzionalità del cuore. Aggredendo i polmoni e limitando i livelli di ossigeno nel sangue, il virus costringe il cuore a lavorare più intensamente, con la possibilità di causare aritmie. Sebbene la relazione causale tra eventi cerebrovascolari e Covid-19 non sia conclusiva, diversi studi hanno dimostrato che chi ha contratto il Covid-19 ha un rischio più alto di essere colpito da ictus: l’incidenza da ictus ischemico nei pazienti Covid-19, ad esempio, varia dal 2,5% al 5%. Questi alcuni tra i temi al centro di Attenti a quei due! la campagna di awareness realizzata da A.L.I.Ce. Italia Odv con il patrocinio della Società Italiana di Neurologia (SIN), dell’Italian Stroke Organization (ISO) e dell’Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati (Feder-A.I.P.A.) per sensibilizzare le persone sull’importanza di non sottovalutare lo stretto rapporto tra cuore e cervello.

Collegandosi al sito www.cuore-cervello.it, gli utenti interessati potranno compilare un semplice questionario anonimo per capire il livello di conoscenza su ictus e fibrillazione atriale e sul sito https://hello.davincisalute.com/attentiaqueidue-arezzo/ potranno prendere appuntamento per il video consulto gratuito con medici specialisti che saranno a disposizione martedì 30 marzo dalle 14.30 alle 16.30, mercoledì 31 e giovedì 1 aprile dalle 14.30 alle 16.30, per spiegare quali sono i comportamenti da adottare, i fattori di rischio e come sia possibile attuare una buona prevenzione attraverso stili di vita corretti, in particolar modo in questo periodo storico così difficile.

Non tutti sanno che il cuore gioca un ruolo cruciale nell’insorgenza dell’ictus, essendo la fibrillazione atriale tra le principali cause di lesioni invalidanti al cervello – afferma Leonardo Bolognese, direttore del dipartimento cardiotoracico neuro vascolare – Asl Toscana Sud Est. Chi soffre di fibrillazione atriale, infatti, ha un disturbo cronico del ritmo cardiaco dovuto a battiti fortemente irregolari; ciò provoca la formazione di coaguli di sangue che possono determinare un ictus”.

“Riconoscere e curare la fibrillazione atriale è tra le più efficaci strategie preventive che possiamo attuare per mettere al sicuro il cervello dal rischio di avere un ictus – continua Giovanni Linoli, direttore neurologia, ospedale San Donato di Arezzo - Così come è fondamentale saperne identificare i sintomi di esordio e chiamare tempestivamente il 118. Sappiamo infatti che l’ictus è una malattia che deve essere trattata entro una finestra temporale precisa ed è essenziale che tutti i Cittadini ne siano a conoscenza”.

La pagina Facebook della federazione Alice è il canale attraverso cui vengono veicolate le informazioni e su cui viaggia la campagna che prevede un piano editoriale social per promuovere una corretta informazione, arricchito di card di awareness, videointerviste agli specialisti, un questionario autovalutativo su ictus, fibrillazione atriale e correlazioni con il Covid-19. È inoltre online il sito web di campagna, cuore-cervello.it, che raccoglie i messaggi di informazione e sensibilizzazione. Oltre che in Toscana, sarà possibile effettuare videoconsulti gratuiti gestiti attraverso un’apposita piattaforma in altre due regioni, grazie alla fondamentale collaborazione e alla disponibilità di neurologi e cardiologi attivi sul territorio.

L’ictus è una condizione di emergenza sanitaria da non sottovalutare, che in Toscana colpisce ogni anno circa 9.000 persone: è una patologia tempo-correlata che richiede elevata attenzione per un’azione tempestiva. È fondamentale, quindi che, nonostante l’emergenza sanitaria che stiamo ancora attraversando, le persone con sospetto di ictus, siano tranquillizzate sapendo che ci sono percorsi diagnostici e terapeutici separati, dedicati, efficienti ed efficaci.

È importante che tutti sappiano che restare a casa quando si riconoscono ‘i campanelli d’allarme’ dell’ictus, cioè uno o più sintomi anche se di breve durato (TIA – attacco ischemico transitorio), può significare ritardare il ricorso all’assistenza e alle terapie che potrebbero essere necessarie, per non incorrere in esiti invalidanti, più o meno gravi.

L’associazione è impegnata da anni nel promuovere una corretta informazione sui fattori di rischio e sul riconoscimento tempestivo dei sintomi dell’ictus, una patologia che in Italia colpisce circa 150.000 persone ogni anno. Ancora più importante l’informazione in tempi di epidemia: chi soffre di fibrillazione atriale ha maggiori possibilità di contrarre il Covid in una forma grave? E chi ha avuto un ictus? Valuta la tua conoscenza sulla fibrillazione atriale, sull’ictus e sulle eventuali associazioni con l’epidemia da nuovo Coronavirus sul sito www.cuore-cervello.it

L’ictus cerebrale in Italia rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Per la sua elevata incidenza, costituisce un problema assistenziale, riabilitativo e sociale di enormi dimensioni. Un fenomeno che, oltretutto, è in crescita, anche per l’invecchiamento progressivo della popolazione, motivo per cui sarà sempre più necessario affidarsi a strategie di prevenzione per gestire in modo sostenibile e adeguato la patologia nel lungo termine e in un contesto di cronicità e comorbidità.

L'azione preventiva contribuirebbe per circa l’80% dei casi ad una massiccia riduzione su scala dell'ictus, oltreché a raggiungere obiettivi globali di salute, che riguardano anche altre patologie quali quelle cardiovascolari, il cancro, il diabete, che possono causare disabilità di varia entità fino a morte. La campagna è realizzata con il contributo non condizionato dell’Alliance Bristol –Myers Squibb-Pfizer. Per maggiori informazioni: www.cuore-cervello.it e www.aliceitalia.org

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giù dal ponte, dispiegamento di soccorsi e volo d'urgenza a Siena. Deceduto un giovane

  • Toscana: aperte le prenotazioni per il vaccino per i nati nel 1957 e 1958. Giani: "Over 50 dal 13 maggio"

  • Addio al coreografo Francesco Neri. I funerali in cattedrale

  • Schianto auto-moto, muore il farmacista Giulio Innocenzi. Il ricordo: "Persona meravigliosa, amava la vita"

  • Nuovi contagi stabili in Toscana. I dati delle incidenze provinciali e comunali

  • Auto si ribalta, muore un 36enne. Grave una donna di 33 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento