Didattica e terapia all'aria aperta di Autismo Arezzo: tutti in fattoria

Riparte il progetto “Didattica e terapia all’aria aperta” realizzato dall’Associazione Autismo Arezzo, in collaborazione con Coldiretti, Usl TSE e Cooperativa Progetto 5. Dal 26 agosto all’11 settembre nuovamente i ragazzi protagonisti

Un mese di attività, tre giorni alla settimana, immersi nella natura e nelle attività di una azienda agrituristica; questo è stato il progetto “Contadini speciali alla scoperta di sé”, svoltosi dal 8 luglio all’8 agosto presso l’azienda Poggio alla Pellicciaia in loc. Ruscello ad Arezzo. Progetto che ha fatto scuola e che si è rivelato positivo e apprezzato dai ragazzi, dalle famiglie e dagli stessi operatori.

Il progetto è nato  dalla volontà dell’Associazione Autismo Arezzo anche in considerazione delle conseguenze della Pandemia Covid 19  che ha costretto tutti i servizi legati ai disabili intellettivi, ma non solo, a ripensare le proprie attività.

L’Associazione Autismo Arezzo ha coinvolto l’Azienda Usl Tse ed in particolare il Distretto di Arezzo ed il servizio Ufsmia, Coldiretti e la Cooperativa Progetto 5 con l’obiettivo di creare una reale opportunità terapeutica, ma anche ludica e formativa per i ragazzi disabili, autistici e non, che nel periodo estivo possano vivere un’esperienza nuova in campagna. La scelta di attivare questo progetto in ambienti nuovi, all’aria aperta, avviando attività anche nuove si è rivelata vincente, e sicuramente una strada da percorrere anche in futuro.

Nelle giornate in azienda con l’osservazione e la partecipazione sono state anche individuate le potenzialità di ogni ragazzo, le sue passioni, i suoi talenti e la sua voglia di stare assieme. 

Le attività si sono svolte, e lo saranno anche in questa seconda fase. seguendo le indicazioni avute dal servizio della Salute Mentale dell’Azienda Usl Toscana Sud Est; creando dei piccoli gruppi (divisi per età, caratteristiche ed anche interessi) e questo ha favorito l’apprendimento ed il coinvolgimento. 

Proprio in conseguenza del grande successo e per venire incontro alle famiglie, in attesa del rientro a scuola  è stata attivata una seconda parte del progetto che andrà dal 26 agosto al 11 settembre.

I ragazzi, che sono stati in tutto 20, hanno  partecipato attivamente raggiungendo risultati anche inaspettati in termini di coinvolgimento, nonché emotivamente, ma anche su attività pratiche e di apprendimento.

“Credo che con questa esperienza abbiamo aperto la strada ad un nuovo modo di fare terapia, afferma il presidente dell’Associazione Autismo Arezzo Andrea Laurenzi, e dobbiamo crederci anche in futuro. Il progetto non è stato semplicemente un’occasione di svago, ma una vera esperienza di vita. A nostro giudizio questa esperienza deve servire per porre le basi di una attivazione stabile  di queste modalità di lavoro anche in altri periodi dell’anno.”

“Sin dai primi confronti che sono intercorsi tra il sottoscritto e l’Associazione Autismo Arezzo, dichiara Evaristo Giglio direttore del Distretto Socio/Sanitario di Arezzo, ho subito compreso le grandi potenzialità del progetto sul piano del "fare" e su quello delle "relazioni". Condizioni entrambi  che hanno ricadute rilevanti in termini di apprendimento e di riabilitazione. Ho perciò condiviso l'idea di garantire la supervisione delle fasi progettuali e delle attività da parte della Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia e Adolescenza (UFSMIA), concordando questo impegno con il direttore della stessa  UF dott Luciano Luccherino. La positiva esperienza già registrata, la gioia dei ragazzi e la soddisfazione dei loro familiari, rappresentano i migliori indicatori della validità del progetto verso il quale, insieme ad Andrea Laurenzi, suo ideatore e grande sostenitore, esprimo i miei più fervidi auspici perché l'esperienza di consolidi e possa diventare un appuntamento ineludibile negli anni a venire.”

“Oggi, dichiara il Direttore di Coldiretti Arezzo Raffaello Betti, produrre in agricoltura non vuol dire soltanto portare il buon cibo sulle tavole degli italiani, ma rispondere a precise necessità della società in ambiti diversi. Grazie agli agricoltori si realizzano progetti che offrono servizi di qualità alle persone con percorsi di integrazione e formazione che definirei traiettorie di futuro” spiega il Direttore della Coldiretti Raffaello Betti nel sottolineare che “nei prodotti e nei servizi offerti dall’agricoltura non c’è solo il loro valore intrinseco, ma anche un bene comune per la collettività fatto di tutela ambientale, di difesa della salute, di qualità della vita e di valorizzazione della persona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento