“Vivere bio”, biologico come filosofia di vita al Lanificio di Stia. C'è anche il premio Nardi Berti

Sarà inaugurata sabato 23 giugno (ore 9.30) presso il Lanificio di Stia la quarta edizione di Viverebio, rassegna dedicata al mondo del biologico, ideata e organizzata dal Comune di Pratovecchio Stia con il patrocinio della Regione Toscana e del...

premio nardi berti 2017

Sarà inaugurata sabato 23 giugno (ore 9.30) presso il Lanificio di Stia la quarta edizione di Viverebio, rassegna dedicata al mondo del biologico, ideata e organizzata dal Comune di Pratovecchio Stia con il patrocinio della Regione Toscana e del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Tanti gli eventi legati alla manifestazione: cucina d’autore, degustazioni, shopping, convegni, escursioni e laboratori animeranno le due giornate, approfondendo tutti gli aspetti del VivereBio: agricoltura, gastronomia, edilizia, ingegneria, energie rinnovabili e tanto altro per una manifestazione divenuta negli anni un punto di riferimento per aziende e consumatori del settore biologico.

Nel padiglione espositivo dell’antico lanificio, Bio Expo sarà una una vetrina per conoscere le aziende che hanno scelto e condividono questa filosofia. Circa cinquanta espositori tra aziende agricole, Istituzioni e realtà imprenditoriali impegnate nel settore del biologico e della filiera del legno. Altre iniziative riguardano dimostrazioni sulla lavorazione del formaggio, sul pane “fatto come una volta” e sull’uso delle erbe aromatiche, cooking show con gli chef Enrica Romani, Shady Hasbun e Anas El Jamari ed escursioni a piedi e in e-bike.

Spazi appositi anche per i più piccoli, con laboratori a cura della Banda dei Piccoli Chef e del Museo dell'Arte della Lana, e per gli amanti della buona cucina con menu biologici proposti dai ristoranti del paese.

Vivere Bio è anche occasione di confronto e aggiornamento con il convegno la montagna che produce e innova che vedrà la presentazione di varie esperienze e progetti di economia sostenibile e innovazione nelle aree montane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
In occasione di Vivere Bio saranno inaugurate sabato 23 giugno (ore 15.30) alle ex scuole elementari di Stia, le Officine Capodarno, laboratorio di sviluppo dell’economia montana che si propone come centro di formazione e ricerca in settori come bio-edilizia, filiera del legno, agricoltura biologica, gestione del patrimonio faunistico e forestale, ingegneria ambientale, energie rinnovabili, artigianato e turismo ambientale.

Domenica 24 giugno (16.30) al Lanificio, premiazione del II concorso in memoria del Prof. Raffaello Nardi Berti bandito dal Comune di Pratovecchio Stia, in collaborazione con l’Accademia Italiana di Scienze Forestali, e dedicato a progetti e tesi di laurea sul tema “Ricerche sulla valorizzazione tecnologica del legno per lo sviluppo dei territori montani” .

Vivere Bio è un evento che coinvolge numerosi partner pubblici e privati e varie associazioni di categoria: Regione Toscana, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, Estra (main sponsor), Accademia dei Georgofili, Fondazione Lombard, Confcommercio, Federbio, Confesercenti, Unione dei Comuni Montani del Casentino, CIA Toscana, CNA Arezzo, Accademia Italiana di Scienze Forestali, Istituto agrario e forestale Camaiti, Euromontana, Università degli Studi di Firenze- IBIONET, Anci Toscana, UTB Carabinieri Forestali Pratovecchio, Bio Distretto Casentino, Università di Firenze-Gesaaf, Ordine Dottori Agronomi e Forestali, Slow Food Condotta Casentino, CREA, AIEL, Legambiente, Dream Italia, Associazione Turistica Pro Stia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento