Virgo fidelis: i carabinieri aretini rendono omaggio alla patrona

Si è svolta all'interno della cattedrale di Arezzo, officiata dall’arcivescovo Riccardo Fontana, la messa in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’arma dei carabinieri. Al termine della santa messa, il comandante provinciale di Arezzo, col...

virgo fidelis18

Si è svolta all'interno della cattedrale di Arezzo, officiata dall’arcivescovo Riccardo Fontana, la messa in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’arma dei carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Al termine della santa messa, il comandante provinciale di Arezzo, col. Giuseppe Ligato, ha ricordato nel suo intervento delle motivazioni della ricorrenza della beata vergine Maria “Virgo fidelis”, patrona dell’arma dei carabinieri, onrato il 75° anniversario della “battaglia di Culqualber” in Africa orientale e celebrato la “giornata dell’orfano”. "Ed è agli orfani - fanno sapere dal comando provinciale - amorevolmente assistiti dall’ opera nazionale assistenza orfani militari arma carabinieri e alle vedove dell’arma, primi destinatari del dolore per le gravi perdite di affetto, che e’ stato rivolto un affettuoso e riverente pensiero. La ricorrenza della “Virgo fidelis” ha un profondo significato di valori, fondendosi idealmente i valori di militarità e religiosità, considerato che il motto dell’arma “sii fedele sino alla morte” sono le parole dell’apocalisse impresse nel libro riportato nell’immagine della “Virgo fidelis”. L’impegno che è stato solennemente rinnovato nella odierna celebrazione ha onorato la memoria di quei carabinieri che, continuando a credere nella patria e sublimando il significato delle parole “fedeltà” e “onore”, caddero valorosamente nella cruenta battaglia di “Culqualber”, che ebbe fine proprio il 21 novembre del lontano anno 1941, durante la 2^ guerra mondiale, di cui quest’anno ricorre il settantennale". Per l’epica resistenza del 1° battaglione carabinieri e Zaptiè mobilitato a difesa del caposaldo di Culqualber, venne concessa la seconda medaglia d’oro al valor militare alla bandiera dell’arma, con la motivazione di cui ora viene data lettura:

“Glorioso veterano di cruenti cimenti bellici, destinato a rinforzare un caposaldo di vitale importanza, vi diventava artefice di epica resistenza. Apprestato saldamente a difesa d'impervio settore affidatogli, per tre mesi affrontava con indomito valore la violenta aggressività di preponderanti agguerrite forze che conteneva e rintuzzava con audaci atti controffensivi, contribuendo decisamente alla vigorosa resistenza dell'intero caposaldo, ed infine, dopo aspre giornate di alterne vicende, a segnare, per l'ultima volta in terra d'Africa, la vittoria delle nostre armi. Delineatasi la crisi, deciso al sacrificio supremo, si saldava graniticamente agli spalti difensivi e li contendeva al soverchiante avversario in sanguinosa impari lotta corpo a corpo nella quale comandante e carabinieri, fusi in un sol eroico blocco, simbolo delle virtù italiche, immolavano la vita perpetuando le gloriose tradizioni dell'Arma”.

(Culqualber - Africa orientale agosto-novembre 1941). Al termine della cerimonia il comandante provinciale dei carabinieri di Arezzo ha ringraziato tutte le autorità civili e militari presenti, i cittadini aretini che hanno voluto partecipare e che sono vicini all’Arma, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’Arma, i carabinieri in servizio e in congedo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • LIVE | Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. I dati

  • Elezioni Arezzo, affluenza ore 23: alle comunali è del 47,26%. Regionali e referendum: i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento