Violenza in corsia. Asl8 pronta con il piano di prevenzione: "Tolleranza zero"

Analisi delle situazioni di rischio, formazione del personale e definizione delle misure di prevenzione. Sono queste, in estrema sintesi, le indicazioni individuate dalla Asl 8 di Arezzo per prevenire il rischio di aggressioni sul posto di lavoro...

OSPEDALE-SAN-DONATO4

Analisi delle situazioni di rischio, formazione del personale e definizione delle misure di prevenzione. Sono queste, in estrema sintesi, le indicazioni individuate dalla Asl 8 di Arezzo per prevenire il rischio di aggressioni sul posto di lavoro.

Dopo l’ultimo episodio verificatosi all’interno del pronto soccorso, e durante il quale un’infermiera venne malmenata da un energumeno, ecco che l’Azienda sanitaria si è messa al lavoro (come promesso) per tutelare il proprio personale.

Coordinati dal responsabile del rischio clinico della Asl, Gino Parca, medici, infermieri, responsabili di strutture particolarmente esposte al problema e responsabili della sicurezza, hanno tracciato le linee guida della risposta che si intende adottare.

“Sono i medici, gli infermieri e gli operatori socio-sanitari i soggetti maggiormente esposti al rischio di subire atti violenti – fanno sapere dalla Asl - Sono loro quotidianamente i primi a contatto diretto con i pazienti e con i loro familiari. Loro che si possono trovare a gestire una forte emotività, spesso difficile da controllare. Sono, inoltre, in aumento i pazienti che hanno conclamati disturbi psichiatrici dimessi da strutture residenziali; e sempre più spesso raggiungono l’ospedale, in particolare i diversi Pronto Soccorso, utenti che abusano di alcol e droghe”.

Il percorso individuato parte da una attenta analisi dei luoghi di lavoro e dei fattori di rischio correlati.

Tre i punti chiave: l’elaborazione di un programma di prevenzione della violenza; l’analisi delle situazioni lavorative e la definizione delle misure di prevenzione e controllo; infine, ma non meno importante, la formazione del personale.

“L’Azienda – continuano - punta decisamente a diffondere una cultura di “tolleranza zero” nei confronti degli episodi di violenza, incoraggiando il personale a segnalare prontamente episodi specifici e collaborando con le Forze dell’ordine, che in questo scenario ricoprono un ruolo fondamentale. Si procederà adottando una determinata metodica di analisi e azione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Lo studio prevede di valutare con quale frequenza avvengano gli episodi di violenza, e quali sono le criticità da rimuovere. Sarà definito un programma periodico con questionari e interviste al personale nonché sopralluoghi nelle aree considerate a maggior rischio. Analizzati i fattori di rischio verranno adottate le misure preventive volte ad eliminarli, siano esse di tipo strutturale e tecnologiche, che di tipo organizzativo. Altro impegno assunto: garantire un opportuno trattamento e sostegno psicologico agli operatori vittime di violenza, per aiutarli a superare il trauma”. Particolare attenzione anche per la formazione del personale che, ciclicamente, verrà sottoposto a programmi di formazione e addestramento che dovranno essere assicurati a tutti, ed in particolare a chi è impegnato nelle strutture di emergenza e urgenza. Già negli anni passati la Asl8 aveva sviluppato giornate di formazione, che saranno riproposte inserendole nel programma formativo del 2016. Inoltre, Asl8 e Prefettura hanno aperto un tavolo di lavoro per consolidare ed eventualmente implementare le procedure attualmente esistenti, con un protocollo che definisca i ruoli anche delle diverse forze di Polizia.

Il documento prodotto dal gruppo di lavoro, ha individuato altre azioni che presto saranno sottoposte ad un esame tecnico specifico, come la rivalutazione delle telecamere (sia per la tracciabilità di ciò che accade, che come deterrente), la gestione degli accessi, la creazione di appositi sistemi di allarme per le urgenze (istallazione di specifici pulsanti), la valutazione di una figura di “vigilante” interno, la prosecuzione nei programmi di preparazione dell’operatore e lo sviluppo di specifici protocolli con le forze dell’Ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Dilettanti, ecco i campionati costretti allo stop

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento