rotate-mobile
Martedì, 30 Maggio 2023
Attualità Terranuova Bracciolini

Villetta confiscata alla mafia, via ai lavori. Sarà usata dal Comune per i casi di emergenza abitativa

E' iniziato un intervento di manutenzione straordinaria dal valore di 260 mila euro e ne consentirà di l'utilizzo per finalità sociali

I lavori sono iniziati: la villetta confiscata alla mafia, che si trova in località Le Ville nel comune di Terranuova Bracciolini, presto avrà una nuova destinazione. Gli interventi di ristrutturazione sono stati presentati questa mattina, dal sindaco Sergio Chienni. 

Si tratta di un terratetto capo schiera, libero su tre lati. E' circondato da resede e ha un garage. L'immobile è sviluppato su 4 livelli: seminterrato, piano terreno rialzato, piano primo e sottotetto.

"Al momento dell’assegnazione al Comune, da parte dell’Agenzia Nazionale dei beni confiscati, il bene immobile presentava diverse problematiche, anche di ordine strutturale, che verranno risolte con questo intervento" spiega in una nota il comune di Terranuova.

"Tale recupero recupero – ha detto il primo cittadino – è reso possibile grazie a un finanziamento di 260 mila euro, erogato dalla Regione Toscana. Una cifra importante che andrà a coprire interamente il costo dei lavori"

Ma a cosa sarà destinato questo immobile? "Servirà a fronteggiare situazioni di emergenza abitativa, dunque, attraverso la sua riqualificazione, verrà restituito alla comunità dando anche una risposta alle diverse esigenze di carattere sociale. Ci tengo a ringraziare la Regione per il finanziamento e Libera Coordinamento Valdarno per la costante opera di sensibilizzazione".

villetta confiscata alla mafia 2Con l’intervento finanziato sarà eseguito un rinforzo strutturale localizzato. In particolare, è prevista l’asportazione dei pavimenti per realizzare una nuova soletta, verranno revisionate le tubazioni degli impianti e collocati nuovi pavimenti.

La manutenzione straordinaria riguarderà anche la copertura esterna e verrà installata una nuova linea vita per l’accesso in sicurezza alla terrazza coperta sul tetto.

Il progetto di ristrutturazione prevede anche la totale revisione dei servizi igienici, di cui uno al piano terra reso accessibile ai portatori di handicap.

Il finanziamento si colloca all’interno di un avviso pubblico della Regione Toscana dedicato ai 26 comuni che ospitano beni confiscati alla criminalità organizzata. Otto enti hanno partecipato al bando per un totale di 2,3 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villetta confiscata alla mafia, via ai lavori. Sarà usata dal Comune per i casi di emergenza abitativa

ArezzoNotizie è in caricamento