rotate-mobile
Attualità

“Viaggio di primavera”: a cavallo sulle orme di San Francesco

L’edizione 2024 della Transappennica si svolgerà 13 al 15 giugno

Il presidente dell’Associazione Transappeninica, Leonardo Dori, ha presentato stamani insieme a Franco Scortecci, Presidente di Estra Energie, il “Viaggio di primavera”.  Edizione straordinaria perché si svolgerà in occasione degli 800 anni delle stimmate di San Francesco e dei 30 anni di vita dell’associazione dei cavalieri. In tre giorni (dal 13 al 15 giugno) si raggiungerà San Leo (Rimini)) da Chiusi della Verna attraverso luoghi francescani di particolare rilievo storico e naturalistico.

“Collegare i due siti ha ancora un senso –  ha ricordato stamani Leonardo Dori -  e ancor di più ne ha se lo si fa a cavallo nell’ottocentesimo anniversario delle stimmate del Santo, ricevute alla Verna. La ricorrenza francescana e i trent’anni della Transappenninica sono, su livelli diversi, un contorno succoso della lunga passeggiata a cavallo di cento cavalieri appassionati di natura e storia”.

“Spiritualità, storia, natura ha sottolineato il Presidente di Estra Energie, Franco Scortecci . ‘Sulle orme di San Francesco’ è un’opportunità unica per ripercorrere luoghi ricchi di storia e di spiritualità, per attraversare i luoghi forse più belli di Toscana, Marche e Romagna. E di farlo a cavallo, senza mezzi meccanici e quindi in piena sintonia con la natura. Estra Energie sostiene questo che non è un semplice evento ma una vera e propria esperienza in grado di valorizzare ulteriormente la qualità ambientale di un territoirio di riferimento per la nostra azienda”.

Ed ecco una sintesi del percorso della Transappennica 2024.

Partendo da Chiusi della Verna si ha subito a che fare con il castello di Cattani, oggi diroccato, ma sempre suggestivo. Muovendo verso Pieve Santo Stefano, s’incontra poi Compito, dov’è la fonte di San Francesco con l’adiacente cappella, nonché una bellissima tavola dipinta da Neri di Bicci, proprio sopra l’altare della chiesa di San Martino. Attraversato il Tevere a Pieve Santo Stefano, la strada risale verso l’Eremo di Cerbaiolo. Dopo il passo di Viamaggio, si raggiunge Badia Tedalda, posto tappa per il primo pernottamento organizzato. Se la natura ha accompagnato i cavalieri fino a Badia Tedalda, è certamente la grande protagonista della seconda giornata del percorso che attraverso il Sasso di Simone, raggiunge Carpegna, punto tappa per il pernottamento del sabato.

Scesi al Ponte Presale, i cavalieri si arrampicheranno a Case Barboni. Si proseguirà sul sentiero che raggiunge il sasso di Simone, in vista di spettacolari calanchi, panorami infiniti e rocce a strapiombo. Il successivo trasferimento a Carpegna, nel pomeriggio, sarà più semplice, quasi pianeggiante e in mezzo al bosco verde. Ed è da Carpegna che prende le mosse la terza e ultima tappa della passeggiata a cavallo sulle strade francescane.

Si raggiunge San Leo tra bellissimi paesaggi collinari, arrivando per il pranzo della domenica presso il bellissimo borgo dominato dalla rocca e caratterizzato dalla presenza di due antichissime e bellissime chiese medievali, una delle quali, la cattedrale di San Leone, è costruita sulla viva roccia...

La passeggiata tardo primaverile tra Chiusi della Verna e San Leo, oltre a collegare due importantissimi siti francescani, è un percorso tra i più belli e interessanti che si possano fare attraversando l’Appennino centrale, come fa da trent’anni l’Associazione Transappenninica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Viaggio di primavera”: a cavallo sulle orme di San Francesco

ArezzoNotizie è in caricamento