menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"ArezzOn: io compro aretino": la nuova vetrina digitale per le attività commerciali

Si tratta di un progetto, gratuito e solidale, nato con l’intento di aiutare le attività commerciali aretine, che stanno affrontando un momento particolarmente difficile

Si tratta di un progetto, gratuito e solidale, nato con l’intento di aiutare le attività commerciali aretine, che stanno affrontando un momento particolarmente difficile, incentivando l’acquisto di prodotti locali e dando visibilità a prodotti e aziende attraverso una vetrina digitale. L’obiettivo primario, infatti, è quello di difendere e rafforzare il tessuto economico territoriale.

Ma come funziona? Semplice. Come detto, attraverso una vetrina digitale che dia valore alle aziende, si intende facilitare l’incontro tra commercianti e clienti. Il progetto, che è bene ribadirlo, è a titolo completamente gratuito per le aziende, agisce quindi in un’ottica di solidarietà e vede la partecipazione di attori pubblici e privati uniti per raggiungere tutti uno scopo unitario: l’aiuto reciproco.

L’iniziativa adesso parte ed è rivolta, in particolar modo, agli acquisti natalizi. Quindi, idee o buoni regalo, offerte particolari. Ma sicuramente potrà trovare applicazione anche in futuro, ad esempio per momenti particolari come i saldi ma anche durante tutto l’anno.

Perciò, nella pratica come possono aderire i commercianti e gli imprenditori? La visibilità di prodotti e aziende sarà garantita attraverso la pubblicazione di post all’interno della Pagina ufficiale Facebook di ArezzOn. Per farlo, sarà richiesta una piccola collaborazione alle aziende interessate. Nello specifico occorrerà: materiale grafico (come logo aziendale e foto di buona qualità per un massimo di dieci), accompagnate da una breve descrizione del prodotto che si intende promuovere o dell’offerta che si desidera comunicare.

A tutte le aziende sarà concesso lo spazio, come anticipato, senza pagare assolutamente nulla. Tuttavia, per chi intendesse proporre diversamente i propri prodotti, sarà possibile personalizzare la formula, adattandola alle esigenze specifiche del richiedente.

Il progetto è stato ideato da Simon Pietro Palazzo, fondatore di “Arezzo MI Piace”, Alessandra Severi, cotitolare di Puntoweb Snc e Morena Sciadini, fondatrice della pagina Facebook “Un aiuto per te”. Alla presentazione, che si è svolta nel Chiostro del Comune, ha partecipato anche il vicesindaco Lucia Tanti.

Per informazioni Pagina Facebook: Arezzon – Io compro aretino

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento