rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024

Oliveto abbraccia Migliavacca. Visita al presepe e alla chiesa crollata: "Lavori di recupero in partenza"

Il vescovo Migliavacca è stato accolto a Oliveto in occasione del presepe vivente. Il punto sui lavori di recupero e restauro della facciata della chiesa di Sant'Andrea, inagibile dopo il crollo dello scorso agosto

"Un bellissimo borgo, davvero suggestivo". Così Andrea Migliavacca, vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, ha definito Oliveto, la minuscola frazione di Civitella in Valdichiana che questo pomeriggio ospitava l'ultima uscita per il 2022 del presepe vivente. Proprio i protagonisti del presepe avevano inviato nei giorni scorsi una mail al vescovo invitandolo a partecipare e, prontamente, Migliavacca ha risposto "presente". Così dopo aver celebrato le cresime a Pieve Santo Stefano, nel pomeriggio si è presentato alle porte del borgo medievale, giusto in tempo per la lettura dell'editto con il quale venivano invitati tutti i cittadini dell'impero romano a recarsi presso le proprie città di orgine.

Strette di mani, sorrisi, una parola per tutti coloro che si sono fermati a salutare il vescovo insediatosi giusto qualche settimana fa ad Arezzo. Poi il passaggio nella chiesa della Compagnia per visitare la Natività e dopo davanti a quella di Sant'Andrea la cui facciata crollò lo scorso 25 agosto. Oggi l'edificio resta ancora inagibile.

"La rappresentazione del presepe vivente, le famiglie e i bambini, è un ambiente molto evocativo per farci vivere il Natale. Complimenti a chi lo ha realizzato e ideato - ha detto il vescovo che riguardo la chiesa di Sant'Andrea ha poi aggiunto - So che il parrocco si è già attivato per quanto riguarda progetti, aiuti e finanziamenti quindi credo proprio che così si farà'.

Ad accompagnare il vescovo nella sua visita oltre al parroco di Oliveto, don Gualtieri Mazzeschi, era presente anche il sindaco di Civitella, Andrea Tavarnesi.

'È stata una giornata importante per noi - ha detto il primo cittadino - ringrazio il vescovo per averci fatto visita ma ringrazio anche tutti coloro che oggi hanno lavorato per questa rappresentazione che ha richiamato davvero tantissime persone. È vero, oggi sono poco più di quattro mesi dal crollo della facciata. Il parroco ci ha informato che l'intervento avrà tempi ristretti, a breve sarà presentata la Scia, e quindi nel giro di uno o due mesi al massimo partiranno i lavori di reastauro della facciata'.

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento