Valdarno, i commercianti chiedono più sicurezza

Laura Cantini di Confcommercio: “I negozianti non vogliono essere i bancomat della criminalità. L’impegno delle forze dell’ordine è encomiabile, ma è auspicabile un maggior presidio del territorio”

Laura Cantini (Confcommercio)

La Confcommercio torna a chiedere più sicurezza per gli imprenditori del terziario dopo i furti ai danni di due rivendite di biciclette del Valdarno. “I negozianti non vogliono essere i bancomat della criminalità”, sottolinea la responsabile della delegazione sangiovannese di Confcommercio Laura Cantini, “purtroppo episodi di cronaca come questi toccano un nervo scoperto della categoria, che troppo spesso si sente lasciata sola, in prima linea, a fronteggiare la situazione. L’impegno delle forze dell’ordine è encomiabile, ma non si può mai abbassare la guardia, anzi sarebbe auspicabile un maggior presidio del territorio”.

“Sulla carta il numero dei reati sta calando, anche se non sembrerebbe da certe notizie d’attualità, ma è un fatto che gli imprenditori del terziario si sentono sempre più insicuri nelle loro attività ed esposti ai danni della criminalità”, aggiunge la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini, che per conto di Confcommercio nazionale porta avanti un delicato incarico sui temi della sicurezza e della legalità.

Proprio la Confcommercio, in occasione dell’iniziativa “Legalità mi piace”, il 21 novembre scorso ha presentato a Roma i risultati dell’indagine annuale sulla criminalità, che contiene anche dati riferiti nello specifico alla Toscana. “Abusivismo, furti, contraffazione e rapine sono i crimini più percepiti dagli imprenditori italiani. Ma in Toscana si fanno sentire anche problemi legati ad usura ed estorsione”, spiega il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni, “e proprio nella nostra regione la percezione del peggioramento del livello di sicurezza risulta significativamente superiore alla media nazionale: il 36% degli operatori toscani si sente meno sicuro rispetto al passato, mentre il dato nazionale è fermo al 26%”.

Eppure l’esperienza con la criminalità in Toscana è leggermente inferiore alla media nazionale: meno di un imprenditore su cinque (il 19%, contro il 23% del dato nazionale) ha avuto a che fare direttamente o indirettamente con un episodio criminoso. Per la maggior parte dei casi (41%) si trattava di taccheggio. Circa otto su dieci (79%, contro l’82% della media italiana) hanno adottato almeno una misura per tutelare la sicurezza nella propria impresa: l’uso di telecamere/impianti di allarme è un po’ più basso rispetto alla media nazionale (40% contro il 53% della media italiana), mentre sono superiori le quote di chi si avvale di vigilanza privata (33% contro il 27% nazionale), fa richieste informali di protezione alla polizia e si rivolge alle associazioni di categoria per un confronto. Tra gli altri sistemi di protezione, figurano le polizze assicurative e le vetrine corazzate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Purtroppo, la maggior parte degli operatori toscani crede poco all’efficacia delle leggi di contrasto al crimine: l’87% (in linea con l’89% della media nazionale) le ritiene per nulla o poco valide”, sottolinea il direttore di Confcommercio Toscana Marinoni, “a mancare è soprattutto la certezza della pena, che tanti vorrebbero, oltre che certa, anche più aspra. Tra gli auspici anche quello di un maggior presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine. E i due furti a San Giovanni Valdarno ne dimostrano una volta di più la necessità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • 7 castelli e ville storiche della provincia di Arezzo che domenica aprono le proprie porte (gratis)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento