Unuci, l'associazione che promuove i valori militari e civici

Ad Arezzo una delle 163 sedi nazionali. Eletto il nuovo Consiglio direttivo

Un nuovo consiglio ed un nuovo presidente. Nei giorni scorsi la sede aretina dell’Unuci, l’Associazione degli Ufficiali in Congedo delle Forze Armate Italiane,ospitata in una struttura che è rimasta l’unica che maggiormente rappresenta la tradizionale militare nella città di Arezzo, ha rinnovato gli organi direttivi. 
Alla carica di presidente della sezione è stato eletto il capitano deli alpini Abramo Guerra, mentre come membri del consiglio sono stati eletti: capitano Francesco Branciaroli, capitano Guglielmo Caprai, Gen.B.A. in C.A. Giancarlo Dal Piaz, S.Ten. Fabrizio Fabbrini ed il Ten. Alessandro Goretti.
Un totale rinnovamento per la sezione aretina che, in questo ultimo periodo, ha anche dovuto sottostare ad una gestione commissariale che permettesse di arrivate a nuove elezioni. Un punto di arrivo di estrema importanza, dunque, ma anche di partenza visto che c’è voglia di promuove questo sodalizio e, soprattutto, custodire e trasmettere quei valori particolarmente apprezzati nel periodo della vita militare: lealtà, coraggio, spirito di sacrificio, il rispetto degli altri, il rispetto e la difesa delle istituzioni, la capacità di organizzarsi, la difesa dei più deboli, la solidarietà.
Valori universali in una società che ha al centro la persona ed il suo rispetto.
E’ questo un primo passo come quello di avere ben chiaro il programma da svolgere in questo mandato come quello di completare il definitivo passaggio da una gestione tradizionale ad una gestione completamente informatizzata e ciò significa essere reattivi sia nella comunicazione ai soci sia verso l’esterno compreso la comunicazione. Sarà un nuovo corso che intende anche rendere la sede di proprietà in via Beccheria, 5 accogliente e funzionale a poter ospitare convegni ed incontri proprio per promuovere lo spirito dell’Associazione anche sotto l’aspetto culturale visto che la sede aretina vanta un cospicuo e pregevole patrimonio culturale.
Assicureremo la nostra presenza in tutte le manifestazioni di carattere militare destinate a rievocare o commemorare atti eroici o di valore. Allo scopo costituiremo un picchetto destinato ad essere impiegato nelle varie occasioni
Infine, vi è anche la voglia di impegnarsi nel campo della Protezione Civile in Collegamento con altre Sezioni. Non escludiamo il nostro impegno anche in campo sociale se sarà possibile la collaborazione con altri organismi.

“La mia speranza più sentita, ha dichiarato il presidente Abramo Guerra, rimane il desiderio di poter trasmettere all'opinione pubblica, sia pure nei limiti delle nostre forze, quell’amore che sentiamo per la nostra Nazione, la nostra patria così come altri grandi popoli hanno verso la loro vedi, l'America, la Francia, la Germania, il Regno Unito. Dobbiamo impegnarci a trasmettere apprezzamento per la nostra cultura, per le bellezze paesaggistiche, naturali di cui è ineguagliabilmente ricca la nostra bellissima Italia, la nostra patria”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una tempesta ferma due treni, sfonda finestrini e ferisce i passeggeri. Maxi esercitazione in provincia di Arezzo

  • Incidente lungo la Regionale 71. Due giovani ferite

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Runner 45enne in arresto cardiaco, ragazza in bici si ferma e gli fa il massaggio al cuore: salvato

  • Un aretino con Flavio Insinna all'Eredità su Rai Uno

  • Un altro aretino in tv, Enrico protagonista a Forum su Rete 4

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento