Attualità

Controllo degli ungulati: le nuove direttive della Regione Toscana. De Robertis: "Coinvolti anche gli agricoltori"

Gli agricoltori dotati di porto d’armi, in forma singola, potranno dunque direttamente intervenire, all’interno della propria azienda

Intervento entro 24 ore della Polizia provinciale per gli abbattimenti; intervento diretto e immediato dei proprietari e conduttori dei fondi, ma solo se dotati di porto d’armi sotto il coordinamento della Polizia Provinciale; catture tramite trappole o recinti gestiti direttamente da agricoltori e ATC, gli Ambiti territoriali di caccia. Sono alcune delle novità approvate dalla Giunta regionale che riguardano gli interventi di controllo ai sensi dell’articolo 37 (Lr.3 del 12 gennaio 1994) per proteggere l’agricoltura dai danni da ungulati, introdotte, su proposta dall’assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi, con la modifica della delibera 310 del 2016.

“Gli agricoltori toscani – afferma Saccardi – stanno pagando un prezzo altissimo per la crisi causata dalla pandemia e in questa situazione l’impatto di branchi sempre più numerosi di cinghiali sulle colture ha assunto dimensioni insostenibili. E’ doveroso dare una risposta concreta ed equilibrata al mondo del lavoro agricolo, che con coraggio e passione portano avanti le proprie attività: non è possibile vedere distrutto il frutto del lavoro, siano vigneti, campi seminati a cereali o frutteti. Adesso – prosegue – insieme alle indispensabili azioni di prevenzione, proprietari e conduttori di fondi agricoli hanno a disposizione nuovi e più efficaci strumenti nell’ambito delle attività di controllo per proteggere le proprie colture dagli attacchi degli ungulati”.

Attraverso un sistema semplice, e con il coordinamento immediato della Polizia provinciale, gli agricoltori dotati di porto d’armi, in forma singola, potranno dunque direttamente intervenire, all’interno della propria azienda, per abbattere gli ungulati che minacciano le colture. Così come potranno direttamente sistemare gabbie o recinti per effettuare catture. Altra importante novità, che riguarda la maggior parte degli agricoltori, è la riduzione da 36 a 24 ore del tempo massimo di intervento in controllo per le Polizie provinciali, così da rendere più efficace questa attività e dare maggiore protezione all’agricoltura.

Con questa modifica della, la Regione Toscana si adegua al dettato normativo della legge 157 del 1992 che prevede la possibilità di avvalersi dei proprietari o conduttori dei fondi, in possesso di porto d’armi, nelle attività di controllo. La norma resterà valida per due anni alla fine dei quali sarà fatto il punto per valutare l’andamento e in base ai risultati, confermare o ricalibrare il contenuto.

Nel corso del 2020, sempre a causa del covid-19, l’attività venatoria ordinaria ha visto una battuta d’arresto. Dai primi dati in possesso della Regione, il numero di ungulati è in aumento e il rischio di seri danni all’agricoltura è ogni giorno più alto. Nel 2020 sono stati abbattuti, in Toscana, circa 14mila cinghiali in meno rispetto al 2019 e oltre 20mila in meno rispetto al 2018. L’attività di controllo nel 2020 ha riguardato meno del 13 per cento dei capi abbattuti.


“Accolgo con molta soddisfazione l’attuazione dell’impegno che con l’allora capogruppo Marras ponemmo al Governo regionale per consentire agli agricoltori di intervenire direttamente nel controllo degli ungulati, a tutela delle produzioni agricole”. Lucia de Robertis, presidente della commissione Territorio e Ambiente del Consiglio regionale, commenta così la delibera che la Giunta Giani, su proposta dell’assessore Saccardi, ha licenziato nell’ultima seduta, che consente “l’intervento diretto e immediato dei proprietari e conduttori dei fondi, ma solo se dotati di porto d’armi sotto il coordinamento della Polizia Provinciale. Nel luglio dello scorso anno presentammo e facemmo approvare dal Consiglio regionale la risoluzione numero 323, che impegnava la Giunta ad abilitare proprietari e conduttori di fondi rustici, dotati di porto d’armi, a procedere direttamente all’abbattimento di ungulati, previa comunicazione alla Polizia Provinciale o alla Polizia della Città metropolitana di Firenze, al fine di rimuovere il rischio del danno alle produzioni, assicurando precise modalità di coordinamento con le stesse autorità amministrative competenti. Le delibera approvata ora riscontra, finalmente, quella richiesta, che veniva dalla consapevolezza di come dovessero essere utilizzati tutti i metodi consentiti dalle leggi per realizzare davvero una gestione controllata degli ungulati, salvaguardando le produzioni agricole ed il lavoro dei nostri agricoltori. Un atto di indirizzo, il nostro – conclude la presidente della quarta commissione di palazzo del Pegaso – costruito grazie al confronto con l’associazionismo agricolo, attendo nel rappresentare alle istituzioni le giuste esigenze per salvaguardare un comparto produttivo essenziale per la nostra economia e i nostri territori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controllo degli ungulati: le nuove direttive della Regione Toscana. De Robertis: "Coinvolti anche gli agricoltori"

ArezzoNotizie è in caricamento