Attualità

Un container per il Burkina Faso, volontari aretini di nuovo al lavoro per beneficenza

L'associazione Oasi ha donato il sesto container ad una realtà del Burkina Faso. Di seguito la nota stampa. "Anche quest'anno siamo riusciti a spedire il nostro sesto container! I destinatari del prezioso carico di solidarietà è...

34536756_10216820629686890_5932784208823975936_n

L'associazione Oasi ha donato il sesto container ad una realtà del Burkina Faso.

Di seguito la nota stampa.





"Anche quest'anno siamo riusciti a spedire il nostro sesto container!

I destinatari del prezioso carico di solidarietà è un'associazione del Burkina Faso "ASFAD" - associazione attiva nel campo della solidarietà e sostegno alle donne.

Ogni volta che si pensa di spedire un container bisogna contare prima di tutto sulla generosità e sulla disponibilità di tante realtà ed in primo luogo dei volontari di Oasi che ogni martedì mattina sono venuti in officina per preparare il materiale che oggi verrà caricato. I volontari di Oasi sono un gruppo affiatato, per lo più pensionati artigiani in pensione ma non solo che, scrupolosamente hanno selezionato e aggiustato attrezzi, arnesi ed altre utilissime attrezzature. Vederli nel nostro magazzino, puntuali come se dovessero timbrare il cartellino, allegri come quando si partecipa a una festa, lavorare con lena, scherzare e creare quel clima che utile a superare quei momenti di solitudine spesso così difficili da gestire quando si è anziani, è una delle soddisfazioni più grandi. I volontari che hanno permesso tutto ciò sono: Ghiandai Giancarlo (presidente), Bennati Franco, Berneschi Luigi, Brandi Alessandro, Betti Gianfranco, Brenos Giuseppe, Ceccherini Luciano, Cerbini Alfredo, Gambini Giovanni, Pancini Aldo, Romanelli Angiolo, Scaccialupi Odero.

Ma veniamo a descrivere il materiale, molto difficile da reperire in loco e così fondamentale per garantire formazione, lavoro, servizi di trasporto alle famiglie più disagiate. Grazie infatti alla Comunità Emmaus di Laterina è stato riparato un pulmino Fiat Ducato che sarà utilizzato per il servizio di trasporto scolastico e sociale, nel carico ci saranno anche ventidue biciclette, quattro pompe di cui una a immersione, essenziali per l'attività agricola e quindi l'irrigazione dei campi coltivati dalle donne dell'associazione. Per promuovere una formazione più professionalizzante attraverso l'allestimento di laboratori e dare l'opportunità ai giovani di crearsi un lavoro, sono state rimesse praticamente a nuovo ed inviate una saldatrice, un compressore ed una sega orizzontale a ferro. C'è anche un motofurgone Piaggio ed un auto carro Fiat Ducato, donato quest'ultimo da il Sig. Oreste Guiducci di professione fabbro, entrambi saranno essenziali per il trasporto merci e la vendita nei mercati locali dei prodotti agricoli coltivati.

Un particolare ringraziamento al comandante dei Vigili del Fuoco Ing. Paolo Qualizza, sempre sensibile e disponibile a questo tipo d'iniziative che ci ha messo a disposizione una gru per posare a terra il container e permettere ai volontari di OASI di caricarlo agevolmente e, al termine del carico, di ricaricarlo nell'autoarticolato per essere spedito.

Esprimiamo perciò tutta la nostra gratitudine a coloro che hanno contribuito alla buona riuscita di questo carico, ma più di noi saranno lieti i volontari e gli utenti dell'associazione che riceveranno gli aiuti, con l'auspicio che anche se piccolo con questo container alcuni giovani e famiglie possano essere sostenuti a trovare una strada dignitosa per vivere e lavorare nel loro paese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un container per il Burkina Faso, volontari aretini di nuovo al lavoro per beneficenza

ArezzoNotizie è in caricamento