Ultimo dell’anno ad Arezzo: festa in due piazze ma niente botti

Due piazze in festa per brindare al 2016. Sono san Francesco e sant’Agostino. Ma potranno levarsi al cielo soltanto i brindisi, non fuochi e mortaretti. Una specifica ordinanza vieta infatti l’accensione dei fuochi d’artificio e di ogni oggetto...

 

Due piazze in festa per brindare al 2016. Sono san Francesco e sant’Agostino. Ma potranno levarsi al cielo soltanto i brindisi, non fuochi e mortaretti. Una specifica ordinanza vieta infatti l’accensione dei fuochi d’artificio e di ogni oggetto pirotecnico, petardi compresi, nelle piazze dove si svolgerà il veglione di capodanno.

Il saluto del sindaco Alessandro Ghinelli: “è il mio primo capodanno da sindaco per cui ringrazio tutti quelli che si sono spesi per l'organizzazione della serata. Veniamo ai botti: ho firmato una specifica ordinanza che li proibisce nelle due piazze in questione e fa appello al senso di responsabilità degli aretini nelle altre parti della città. Chiaramente, possono essere utilizzati solo quelli autorizzati e venduti regolarmente. Insomma, si evitino forme di eccessivo entusiasmo. E auguri a tutti”.

Lucia Tanti, assessore alle politiche giovanili: “questo capodanno è stato un lavoro di squadra: il bando che avevamo fatto si era rivelato infruttuoso. Per cui, nel giro di poche ore abbiamo lavorato a un san Silvestro che potesse costituire un momento di festa. Ebbene, non solo ci siamo riusciti ma addirittura possiamo dire che ad Arezzo il capodanno raddoppia”.

“Ci siamo posti il problema – ha sottolineato l’assessore Barbara Magi – di come garantire la sicurezza soprattutto in questi due luoghi dove si registrerà presumibilmente il maggiore assembramento di persone e ogni tipo di esplosione costituirebbe un pericolo oggettivo. La polizia municipale vigilerà adeguatamente. Per il resto della città, facciamo affidamento alla sensibilità delle persone. La diffusa consuetudine, durante questa particolare nottata, di accendere fuochi o scoppiare petardi ci ha indotto a non vietare simili oggetti in tutto il territorio comunale, cosa che di per sé sarebbe stata di difficilissima applicazione, ma a puntare lo sguardo sulle piazze del divertimento e a lanciare un appello affinché i festeggiamenti facciano a meno, il più possibile, di fuochi e botti. Giova sottolineare come questi siano motivo di pericolo per l’incolumità altrui, provochino disagio psico-fisico in soggetti deboli quali bambini, anziani e ammalati e spaventino gli animali che possono reagine in maniera smarrita o perfino aggressiva”. Veniamo alla festa in città: organizzata dall’associazione Music - grande soddisfazione è stata espressa da Paco Mengozzi, Federico Scapecchi, dagli artisti coinvolti e da Catiuscia Fei - si avvale del patrocinio e contributo del Comune di Arezzo, del patrocinio di Confcommercio Arezzo e del sostegno dei commercianti di entrambe le piazze. Ingresso gratuito a tutti gli eventi. Il programma prevede in San Francesco alle 22 il concerto live dei Rasenna Brass, quintetto di ottoni tra swing, jazz, colonne sonore e tanto altro e dalle 23,30 il concerto live dei Funky Monkeys, sei elementi tra groove e funk per far ballare tutta la piazza. In Sant’Agostino, alle 22 djset di apertura in collaborazione con Class125 e dalle 23 animazione musicale con Enzo Scartoni e lancio delle lanterne a cura del negozio La Carta. Alle 24, brindisi di mezzanotte con panettoni e spumanti offerti dai commercianti della piazza e a seguire djset musicale di chiusura con Black Loops, ovvero Riccardo Paffetti e Gabriele Micheli.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento