Turismo: in Casentino nasce la rete dei Comuni

Incluso fra le cinque azioni da cui ripartire, definite nei giorni intorno al Ferragosto dalla Giunta dell’Unione dei Comuni del Casentino, il turismo si dà una nuova struttura per sviluppare iniziative e progetti comuni interessando tutti gli...

Incluso fra le cinque azioni da cui ripartire, definite nei giorni intorno al Ferragosto dalla Giunta dell’Unione dei Comuni del Casentino, il turismo si dà una nuova struttura per sviluppare iniziative e progetti comuni interessando tutti gli Enti Locali della vallata. Con questo spirito è nata la “Rete dei Comuni Turistici del Casentino” (RCT), un comitato permanente di amministratori al quale hanno aderito tutti i comuni casentinesi, “Consapevoli – dice il presidente dell’Unione Giampaolo Tellini – che nessun comune in questo ambito può fare da solo, e che l’unica strada è quella di comunicare all’esterno un’immagine unitaria della valle e lavorare tutti insieme sugli stessi progetti”.

La RCT, che ha iniziato il suo lavoro a fine agosto proseguendo con riunioni cadenzate all’incirca ogni due settimane, è in pratica l’evoluzione della commissione turistica nata nell’ottobre 2014, e include un rappresentante dell’Unione (fin qui il Sindaco di Ortignano Raggiolo Ivano Versari), il Comune di Pratovecchio Stia nella persona del Sindaco Nicolò Caleri che funge da coordinatore, il comune di Bibbiena con il vice sindaco Francesca Nassini, quello di Chiudi della Verna con il vice sindaco Federica Falleri e quello di Poppi con l’assessore Federica Mondanelli; “Non si tratta – precisa Caleri – di una struttura che si sovrappone al Consorzio Casentino Sviluppo e Turismo, ma è un gruppo di lavoro che elabora indirizzi politici in ambito turistico, e casomai potrà utilizzare esperienze e competenze del Consorzio o altre realtà del territorio per tradurre le proprie idee in azioni”.

Compito della Rete anche quello di ascoltare istanze e proposte del territorio, come è avvenuto domenica a Sarna (Chiusi della Verna) con l’incontro che ha riunito, in occasione del passaggio dei “Pellegrini attraverso i Confini”, i referenti di molte associazioni che si occupano di pellegrinaggi e di cammini in genere, spesso agganciati a percorsi di grandi personaggi storici che con il Casentino hanno molto a che fare, come Dante Alighieri e San Francesco d’Assisi. “E’ stato giusto – aggiunge Tellini – organizzare questa tavola rotonda sui sentieri in una località come Sarna, una piccola frazione ma centrale rispetto al percorso di tanti itinerari antichi di pellegrini; per questo l’iniziativa è riuscita benissimo, con il conforto di una grande partecipazione di autorità e di pubblico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Cittadini e associazioni - conclude Caleri – si muovono e presentato iniziative di grande qualità. Tocca a noi razionalizzare questa attività e garantire un coordinamento che serva per parlare la stessa lingua amplificando la voce di tutti, con l’obiettivo di creare sviluppo per le nostre attività turistico-ricettive. Io spingerò perché venga sottoscritta una convenzione senza oneri economici che regolamenti un po’ il tutto. C’è però bisogno dell’aiuto di tutti per diffondere negli stessi Casentinesi una cultura imprenditoriale dell’accoglienza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento