Treni bollenti? I dati della Regione: "Climatizzazione oltre il 90% tra giugno e luglio"

Cento treni regionali controllati ogni giorno, dal lunedì al venerdì, per verificare il funzionamento degli impianti di climatizzazione. Nel corso dell'estate 2016, spiegano dalla Regione Toscana, è stato attivato per la prima volta un capillare...

Treni-bollenti

Cento treni regionali controllati ogni giorno, dal lunedì al venerdì, per verificare il funzionamento degli impianti di climatizzazione. Nel corso dell'estate 2016, spiegano dalla Regione Toscana, è stato attivato per la prima volta un capillare meccanismo di controllo, previsto dal nuovo contratto tra Regione Toscana e Trenitalia. I risultati, per quanto riguarda i cosiddetti treni "bollenti" d'estate, sarebbero del 6,2% per giugno e del 7,4% luglio.

I dati della Regione Toscana

I dati, elaborati sin qui, e che riguardano i mesi di giugno e luglio, certificano un andamento generalmente buono: i risultati medi dell'indice di climatizzazione per i mesi di giugno e luglio sono pari rispettivamente a 93,8% e 92,6%. Si tratta di numeri superiori alla soglia dell'85%, quella considerata critica e sotto la quale scatta un bonus per gli abbonati, con le stesse modalità di richiesta e erogazione del bonus sulla regolarità del servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Sono dati confortanti – commenta l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - a tutto vantaggio dei pendolari toscani . Ciò non significa che non ci siano stati disagi per una parte dell'utenza, ma evidentemente, rispetto all'estate 2015, quando si erano registrati molti disagi per il mancato funzionamento dell'aria condizionata, la situazione è migliorata. E siamo di fronte a dati molto significativi: si tratta dei 100 treni più importanti che circolano ogni giorno in Toscana, scelti in collaborazione con i pendolari. In tutto 2.000 treni controllati al mese, metà dei quali selezionati tra quelli più vecchi e quindi più a rischio di malfunzionamenti. E' un buon avvio: ora si tratta di continuare.

Dall'analisi dei dati relativi a giugno e luglio, si conferma che l'indice di climatizzazione varia a seconda della tipologia di treno: i treni più vecchi, come le vetture Media Distanza, Ale e Aln, presentano dei risultati (91,8% e 90,1%), nettamente inferiori a quelli dei treni più nuovi, quali Vivalto, Minuetto, Jazz e Swing, (95,5% sia a giugno che a luglio). "E questo - conclude Ceccarelli - è il segno che il rinnovo del materiale rotabile, che porteremo avanti grazie alla firma del nuovo contratto di servizio, è già una risposta concreta a questo problema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento