Trasporti, Federconsumatori: “Rimborsare l'abbonamento ai cittadini”

Un problema sentito da molte categorie, i pendolari dei treni che si spostavano per lavoro, gli studenti, gli anziani

“Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020 ha, tra le altre cose, limitato gli spostamenti in generale ed in particolare quelli effettuati con i mezzi pubblici, sebbene il servizio sia effettivamente ancora attivo”: è l’incipit della lettera che Federconsumatori Toscana (col presidente Massimo Falorni) ha inviato all’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli.

Prosegue la lettera: “La situazione emergenziale venutasi a creare ha portato molti utenti a non spostarsi dal proprio domicilio, non potendo in tal modo usufruire del servizio e degli abbonamenti mensili del tpl nello specifico del mese di marzo 2020, già saldati prima del Decreto sopra citato.

Ad oggi le uniche disposizioni del Governo sul punto permettono il rimborso a chi risulta essere in ‘permanenza domiciliare’: sebbene al momento la maggior parte dei cittadini si trovi in tale situazione, il rimborso è previsto per chi ha un contratto di lavoro e dimostra di essere stato collocato in smart working o in ferie forzate.

Ciò comporta una perdita in termini economici non solo per i lavoratori che non si recano fisicamente presso la sede lavorativa, ma anche per gli studenti che a causa della chiusura degli istituti scolastici non hanno usufruito del titolo di viaggio e che, sicuramente almeno fino al 3 aprile 2020, non ne potranno in ogni caso beneficiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla luce di quanto sopra esposto, con la presente la Federconsumatori Toscana intende richiedere la predisposizione di idonei strumenti di ristoro per le famiglie, anche e soprattutto in considerazione del fatto che non potendo godere dei servizi offerti nel mese di marzo 2020 a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 e, considerando le disposizioni predisposte sul punto dal Governo, decade a tutti gli effetti così il contratto di trasporto nel periodo di forzata permanenza domiciliare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

  • Coronavirus, marito e moglie muoiono a distanza di 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento