menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tpl, iniziano i lavori dei Comitati provinciali. Baccelli: "La Toscana sarà pronta"

Il Comitato regionale ha il compito di coordinare e organizzare la ripresa dei trasporti scolastici in vista della riapertura delle scuole secondarie, definendo strategie e azioni per evitare assembramenti, nel rispetto delle normative anti-Covid

Inizia oggi il primo giro di incontri dei Comitati provinciali per il tpl, varati dall’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli – su mandato degli altri membri – come articolazioni territoriali del Comitato permanente regionale sul trasporto pubblico. Il Comitato regionale ha il compito di coordinare e organizzare la ripresa dei trasporti scolastici in vista della riapertura delle scuole secondarie, definendo strategie e azioni per evitare assembramenti, nel rispetto delle normative anti-Covid. Alle sedute dei Comitati provinciali parteciperanno, oltre a rappresentanti dell’assessorato regionale ai trasporti e degli enti locali anche i gestori dei servizi di trasporto pubblico interessati ed i dirigenti scolastici provinciali, ai quali è stato chiesto di inoltrare l’invito anche ai dirigenti scolastici di secondo grado dei territori di riferimento. 

Ad Arezzo l'incontro è previsto per mercoledì 9 dicembre, alle ore 9 in Provincia di Arezzo.

“Un efficace coordinamento è la nostra migliore arma per affrontare la sfida delle ripresa delle didattica in presenza con le regole anti-Covid che impongono il limite di presenza a bordo dei mezzi pubblici al 50% della capienza – ha spiegato l’assessore Baccelli – per questo ritengo che il Comitato regionale sul tpl e le sue mirate articolazioni provinciali siano lo strumento più importante che abbiamo, quello essenziale, per una ripartenza in sicurezza. Abbiamo definito un calendario serrato di incontri per dare modo agli enti locali di presentarci i loro progetti e su questi confrontarci con tutti i soggetti coinvolti, dal mondo della scuola a quello dei trasporti. Vogliamo risultati concreti in tempi brevissimi. Mi permetto di confermare la mia ferma convinzione che per garantire un vero 100% di sicurezza per i nostri studenti sia necessario affiancare alle giuste norme sul 50% di capienza dei bus, un limite al 50% della didattica in presenza. In ogni caso, sfruttando i mezzi aggiuntivi, il progetto ‘Ti accompagno’, tutte le altre proposte ed i provvedimenti messi in campo, la Toscana sarà pronta a gestire la riapertura delle secondarie con dieci progetti mirati, costruiti in concerto con e sui territori”. 

“Ringrazio il presidente della Toscana Eugenio Giani – ha aggiunto Baccelli - per aver creato, con l’ordinanza n.115 di venerdì scorso, il Comitato regionale permanente ed avermene assegnato il coordinamento. E  ringrazio anche l’Ufficio scolastico regionale per la disponibilità dimostrata da subito su questo tema. Abbiamo la straordinaria occasione di dialogare e programmare i servizi in base alle esigenze delle singole scuole, per questo abbiamo chiesto di coinvolgere anche i dirigenti scolastici dei singoli istituti. I comitati locali potranno raggiungere in modo mirato ogni singola realtà, e così potremo ‘personalizzare’ il servizio, senza sprechi, ma senza lasciare indietro nessuno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento