menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tpl, il Consiglio di Stato nomina tre esperti per verificare i Pef di Autolinee Toscane e Mobit

Per Mobit "la partita della gara regionale per il trasporto pubblico locale e ancora aperta", pronta anche la reazione di Autolinee Toscane

Altra tappa per la lunghissima querelle guidiziaria che riguarda il trasporto pubblico locale in Toscana. Da un lato c'è il consorzio Mobit composto dalle aziende locali che hanno portato avanti il servizio pubblico fino ad ora, dall'altra Autolinee Toscane un raggrupamento di imprese tra cui il colosso francese dei trasporti Ratp. Nel mezzo la Regione toscana che ha emesso il bando e che ha aggiudicato il servizio ad At. Tra ricorsi e contro ricorsi ancora, dopo anni, il bandolo della matassa non è sciolto.

"Ieri il Consiglio di Stato ha emesso un’ordinanza sul ricorso presentato da Mobit (di cui fa parte laretina Tiemme) contro l’affidamento della gara unica toscana del tpl su gomma" a darne notizia è Mobit stessa che spiega come sia stata disposta anche "una verificazione tecnica ed affidandosi quindi a tre primari docenti universitari di assoluta esperienza in materia per chiarire i legittimi dubbi avanzati da Mobit nel merito del Piano Economico Finanziario dell’offerta presentata a suo tempo dai francesi di Autolinee Toscane. Questo provvedimento è accolto con favore da Mobit."

“Il Consiglio di Stato ha accolto le nostre istanze di approfondimento dei criteri di calcolo del debito finanziario adottati da AT nel suo piano economico finanziario – afferma il presidente di Mobit, il consorzio di aziende che attualmente gestiscono il servizio di Tpl su gomma in Toscana – e questo segna un passaggio fondamentale nel percorso giudiziario amministrativo in corso, dato che il Consiglio di Stato solleva gli stessi dubbi da noi manifestati in questi anni, ma troppo velocemente tacciati dalla Regione Toscana come motivi di mero ostruzionismo e posti a base di forzature tutt’oggi incomprensibili e, soprattutto, certamente contrarie al reale interesse pubblico”.

Sempre nella nota di Mobit si legge:

"La fissazione della nuova udienza per l’11 marzo 2021 non rappresenta pertanto un semplice rinvio, ma una sconfessione di quanto stabilito dalla sentenza del Tar Toscana impugnata da Mobit ed il riconoscimento della fondatezza dei nostri dubbi sulla sostenibilità del Piano Economico Finanziario di Autolinee Toscane. La partita della gara regionale del trasporto pubblico locale su gomma è quindi più aperta che mai. Nel frattempo e, a maggior ragione in un periodo difficile per i cittadini come quello che stiamo vivendo a causa dell’emergenza sanitaria, per Mobit è quindi indispensabile che la Regione Toscana intervenga con atti conseguenti all’ordinanza del Consiglio di Stato che riconoscano, nel contesto dato, la prioritaria difesa dell’interesse pubblico su un servizio essenziale come quello del trasporto su gomma."

La posizione del consorzio Autolinee Toscane

Mobit presenta una lettura distorta e di parte dell’ordinanza del Consiglio di Stato emessa ieri. In realtà – afferma Bruno Lombardi, presidente di AT - il Collegio di esperti, nominato ieri e composto da tre docenti universitari, è chiamato a valutare correttezza e coerenza non solo del Pef di Autolinee Toscane ma di ambedue i Pef, compreso quello di Mobit”. Lo stabilisce la stessa ordinanza, a pag. 9, quando precisa che “la verificazione dovrà inoltre estendersi all’esame del Pef presentato da Mobit, allo scopo di valutarne i requisiti di bancabilità, congruità e sostenibilità finanziaria”. 

"La nuova udienza fissata per l’11 marzo è una conseguenza tecnica, necessaria per consentire al Collegio di esperti, cui sono stati concessi 90 giorni di tempo, di completare l’istruttoria - si legge nella nota di At - E non costituisce affatto, come invece afferma Mobit, un “riconoscimento alla fondatezza dei dubbi sostenuti da noi sostenuti”, né tantomeno “una sconfessione di quanto stabilito dalla sentenza del Tar”.  Sentenza, quella del Tar, che resta efficace ed esecutiva: è bene ricordare che sulla sentenza del Tar il Consiglio di Stato si è pronunciato lo scorso 15 giugno respingendo la richiesta di sospensiva presentata da Mobit. Per cui l’aggiudicazione ad Autolinee Toscane resta in vigore e la verifica sui Pef non mette in discussione l’obbligo di proseguire l’attività prevista dal contratto di concessione. L’ordinanza del Consiglio di Stato del 20 ottobre si limita a disporre un supplemento di istruttoria, senza nulla aggiungere o togliere, né tantomeno sconfessare, rispetto alle valutazioni già espresse in giugno."

“La legislazione italiana – conclude Lombardi - prevede che le sentenze dei Tar debbano obbligatoriamente essere eseguite fino a quando non vengano sospese o annullate, il che sinora non è avvenuto. Anzi è previsto un danno erariale a carico di chi ritarda questo adempimento”.

...
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento